La Turchia vince i campionati mondiali studenteschi di tennis

La Turchia vince i campionati mondiali studenteschi di tennis

Sesto posto per l'Italia maschile e nono per la rappresentativa femminile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CASTEL DI SANGRO – La Turchia non ha avuto rivali. E’ stata la regina delle finali dei campionati mondiali studenteschi di Castel di Sangro, competizione ideata dall’international school sports federation (Isf), in collaborazione con il Miur e la
federazione italiana tennis.

Nella nona edizione dei giochi, i ragazzi turchi hanno avuto la meglio sulla rappresentativa di Chinese Taipei. Il terzo posto e’ andato alla Francia e il quarto all’Inghilterra. L’Italia si e’ piazzata sesta, preceduta dall’Australia, mentre l’Italia B,
dell’istituto di istruzione superiore ‘Spaventa’ di Atessa (Chieti), e’ arrivata undicesima.

Regine incontrastate del mondiale sono state le ragazze turche che hanno battuto al tie-break le studentesse di Chinese Taipei. Terzo e quarto posto, rispettivamente, per Inghilterra e Olanda. L’Italia ha raggiunto il nono posto, preceduta da Cina, Germania, Francia e Australia.

“Penso sia importante che sport e scuola vadano di pari passo- ha dichiarato Pam Burrage, ex presidente e componente della commissione tecnica dell’Isf- lo sport rende gli studenti indipendenti, imparano a perdere e vincere, a organizzare il proprio tempo al meglio e imparano a lavorare in squadra. Lo sport rappresenta uno stile di vita ed ha un valore educativo anche se non si e’ fra i banchi di scuola”. Dopo le gare si e’ svolta la cerimonia di chiusura della manifestazione allo stadio
‘Patini’ di Castel di Sangro. Premiazioni per tutti i partecipanti con coppe e medaglie, l’ammaina bandiera e il gran finale con i fuochi d’artificio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it