Alessandra Fanali: "Grazie al golf ora studio e vivo in America"

Alessandra Fanali: “Grazie al golf ora studio e vivo in America”

Intervista all'atleta azzurra vincitrice dell'Europeo 2016
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo aver vinto l’Europeo mi è stata offerta la borsa di studio per quattro anni all’Arizona State University, sia per studiare che per giocare con la squadra di golf. Nel primo anno ho fatto l’orientamento e ora ho deciso di intraprendere il percorso di laurea in business e sport e vedremo come andrà”. La 19enne Alessandra Fanali è nata a Fiuggi e da un anno vive a Phoenix, nel campus della ‘ASU’ la più grande università pubblica degli Stati Uniti che conta una popolazione di 70 mila studenti.

“Ho iniziato a giocare a golf grazie a mio padre e in famiglia tutti praticano questo sport. A 10 anni ho lasciato il nuoto e ho cominciato ad andare sul green e per 6 anni ho giocato da sola. Poi sono riuscita ad entrare in nazionale e in maglia azzurra ho vissuto tantissime esperienze girando il mondo e disputando tantissime gare. Ho vinto il campionato europeo e ora voglio vivere questa avventura in America”.

Recentemente, Alessandra Fanali, ha disputato uno dei più importanti tornei di golf, l’Augusta national women’s amateur championship, competizione che vede impegnate le 72 migliori golfiste donne del mondo, ed è riuscita a piazzarsi 32esima. “Spero di entrare tra i professionisti subito dopo l’università e magari vincere qualche ‘Majors’ (i 4 eventi golfistici più prestigiosi della stagione). Il golf- ha proseguito Alessandra Fanali- mi dà libertà e riesco a scaricare lo stress quando ho troppi pensieri. Mi aiuta mentalmente e fisicamente ed è la mia passione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it