Il curioso caso di Peter, il cane con la sindrome della “capra che sviene”

Se troppo emozionato, il cucciolo di spaniel irrigidisce la muscolatura e si accascia a terra con le zampe rigide

Svenire per l’emozione? Per Peter non è solo un modo di dire. Oltre ad essere dolcissimo, il cucciolo di cocker spaniel è un cane davvero speciale.
Quando è spaventato, eccitato o semplicemente molto stanco, Peter irrigidisce le zampe e si accascia a terra restando con la muscolatura rigida.

     Visualizza questo post su Instagram         

Today I had a good day. I managed a lap of the field with only 1 fall. I had a couple stiff moments when I met some new doggos and I met my first squirrel so obviously that was VERY exciting (worth the fall if you ask me) The humans think I did so well because the ground was nice and dry, you can see in this video from last week I really don’t like the rain. Theyre going to shorten my walks when it’s wet to keep me safe but that means I need to find new ways to keep my brain busy. Can anybody recommend doggy brain toys? Chewing up mums cushions isn’t an option apparently 🙄

Un post condiviso da Peter (@petrifiedpete) in data:

Questo comportamento ricorda molto le cosiddette “capre che svengono”, quegli ovini che a causa della miotonia, una condizione genetica ereditaria, quando spaventati subiscono una contrazione prolungata della muscolature.

Anche Peter potrebbe soffrire della “sindrome della capra che sviene”.

Sebbene non gli causi dolore e sia un cucciolo felice e in salute, i suoi genitori umani vorrebbero fosse in grado di correre spensierato insieme agli altri cani, senza interruzioni da “svenimento”.
Per raccogliere fondi per i suoi esami e trattamenti, i proprietari di Peter hanno aperto una pagina crowdfunding su JustGiving.

     Visualizza questo post su Instagram         

Hello to all my new friends from the Netherlands! 🇳🇱 Where else do my followers come from? How far around the globe has my story reached? 🌍 Let me know in the comments ♥️🐶🐾🐾 . . . . For licensing/usage requests please email [email protected]

Un post condiviso da Peter (@petrifiedpete) in data:

2019-06-24T17:34:05+02:00