E.T. l'extra-terrestre, 7 curiosità sul capolavoro di Steven Spielberg

E.T. l’extra-terrestre, 7 curiosità sul capolavoro di Steven Spielberg

L'amicizia tra un bambino e un alieno ha commosso milioni di persone al suo debutto cinematografico nel 1982, e continua a farlo anche oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ha compiuto 37 anni lo scorso 11 giungo “E.T. l’extra-terrestre”, il capolavoro assoluto di Steven Spielberg.
Una storia semplice, emozionante e coinvolgente, arricchita da effetti speciali e da una colonna sonora che valsero i Premi Oscar rispettivamente a Carlo Rambaldi e John Williams.

7 curiosità su E.T. l’extra-terrestre​

1. La faccia di E.T. è stata modellata sul poeta Carl Sandburg, un carlino e Albert Einstein

2. Steven Spielberg ha ribadito più volte che ET non aveva sesso. Non era né maschio né femmina. 

3. La Principessa Diana, che aveva assistito alla première londinese all’Empire Leicester Square insieme al marito Carlo, scoppiò in lacrime.

4. Steven Spielberg e George Lucas sono grandi amici da tempo e hanno utilizzato citazioni semi-nascoste nei loro film in segno di reciproca stima. E.T. è pieno di riferimenti alla saga di Star Wars (come i giocattoli di Elliott o la maschera di Yoda). Nello stesso modo, Lucas ha omaggiato Speilberg inserendo la razza di alieni “ET” nell’Episodio I “La minaccia fantasma”.

5. Dopo il successo cinematografico, nel 1982 Spielberg aveva già steso la bozza per un possibile sequel dal titolo “E.T. II: Nocturnal Fears”, dove Elliott e i suoi amici cercavano di ricontattare ET dopo esser stati rapiti dagli alieni. Fortunatamente, il sequel venne cancellato dallo stesso Spielberg. 

6. I medici e le infermiere che avevano in cura E.T. non erano attori, ma veri operatori di pronto soccorso a cui era stato detto di trattare E.T. nello stesso modo di una persona reale.

7. Secondo la biografia di Michael Jackson: The Magic and the Madness, scritta dal giornalista J. Randy Taraborrelli, il re del pop aveva sviluppato un profondo attaccamento alla storia di E.T. Dopo un servizio fotografico per l’album della colonna sonora in cui un robot animatronic del personaggio extraterrestre ha abbracciato Jackson, il cantante ha affermato con meraviglia: “Era così reale che parlavo con lui. L’ho baciato prima di andarmene. Il giorno dopo già mi mancava”.

SINOSSI

In una foresta della California, un gruppo di botanici alieni preleva campioni di vegetazione.
Appaiono degli agenti del governo USA e gli alieni fuggono a bordo della loro nave spaziale, ma involontariamente lasciano indietro uno di loro, abbandonandolo.

Nel frattempo, in una casa suburbana di Los Angeles, un bambino di nove anni di nome Elliott trascorre la serata con suo fratello maggiore Michael e gli amici di quest’ultimo.

Quando esce a prendere la pizza, Elliott scopre l’alieno, che prontamente fugge.
Nonostante la famiglia non gli creda, il ragazzo lascia dei dolcetti nella foresta per condurre l’alieno da lui.

Una sera l’extraterrestre fa visita a Elliott, che decide di nascondere l’alieno per non farlo vedere alla famiglia.

Di qui in poi nascerà una delle storie di amicizia più belle del cinema.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it