Altaroma. SHOWCASE, tre domande a Salvatore Vignola

Altaroma. SHOWCASE, tre domande a Salvatore Vignola

A tu per tu con i brand indipendenti. I designer in cartellone nella settimana della moda romana rispondono ai microfoni di Diregiovani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Showcase è lo spazio che Altaroma dedica ai brand emergenti e indipendenti. Un progetto rigorosamente made in italy che vede il supporto del Ministero per lo Sviluppo Economico. Sono 70 i designer che ogni giorno, a rotazione, espongono le loro collezioni. Un’opportunità per dare visibilità ai nuovi talenti del fashion e metterli in contatto con stampa e buyer.  

Abbiamo incontrato alcuni di loro per fargli tre domande:

  • “Come sei arrivato/a qui”
  • “Cosa vuol dire esserci”
  • “Cosa mi aspetto da questa giornata”

Uno stile sport-couture caratterizzato da abiti complessi nella struttura e nei tagli, con particolari e finiture spesso impercettibili, che donano ai capi qualità e artigianalità: l’estetica di Salvatore Vignola trasforma concetti in indumenti per il quotidiano, mantenendo come punto focale la valorizzazione del corpo femminile. Una ricerca materica incredibilmente ampia combina l’amore per i tessuti pregiati – come la seta e le lane – all’utilizzo di materiali più comuni come il popeline, sperimentando l’introduzione di tessuti innovativi come il tulle di soia e il denim di canapa. Il vero fil rouge delle collezioni è la fedeltà al Made in Italy unita all’attenzione per l’ambiente, ragioni per cui la scelta dei fornitori ricade esclusivamente su aziende dalla filiera certificata secondo gli standard italiani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it