Altaroma. SHOWCASE, tre domande a Antonella Morgillo

Altaroma. SHOWCASE, tre domande a Antonella Morgillo

A tu per tu con i brand indipendenti. I designer in cartellone nella settimana della moda romana rispondono ai microfoni di Diregiovani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Showcase è lo spazio che Altaroma dedica ai brand emergenti e indipendenti. Un progetto rigorosamente made in italy che vede il supporto del Ministero per lo Sviluppo Economico. Sono 70 i designer che ogni giorno, a rotazione, espongono le loro collezioni. Un’opportunità per dare visibilità ai nuovi talenti del fashion e metterli in contatto con stampa e buyer.  

Abbiamo incontrato alcuni di loro per fargli tre domande:

  • “Come sei arrivato/a qui”
  • “Cosa vuol dire esserci”
  • “Cosa mi aspetto da questa giornata”

Dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte di San Leucio, Antonella Morgillo si trasferisce per completare la sua formazione alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Alla fine del suo percorso di studi, inizia subito a lavorare presso l’ufficio stile Romeo Gigli, per collaborare poi con Ermenegildo Zegna, Fratelli Rossetti, Mila Schon, e da altri importanti studi stilistici della scena milanese. L’esperienza, la conoscenza e l’ambizione hanno portato Antonella a creare il suo Brand e dato vita al suo stile personale, che fonde la creatività con l’artigianale mondo del cappello. L’amore per la decorazione e per l’originalità è ciò che ha permesso di sviluppare le sue creazioni, che contengono un significato profondo, pieno di estro e attenzione al dettaglio. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it