Si può rimanere incinta senza penetrazione e senza eiaculazione...

Si può rimanere incinta senza penetrazione e senza eiaculazione…

Salve,
mi chiamo Elisa e ho 19 anni.
Ho problemi di ansia, spesso mi capita di ossessionarmi su cose inesistenti. Vorrei un parere rassicurante.
Il 15° giorno del ciclo ho fatto petting(senza preservativo) con il mio ragazzo, ha tentato la penetrazione ma quest’ultima non è avvenuta perchè avevo troppo dolore (non è entrato). Ho un ciclo di circa 40 giorni e soffro di ovaio micropolicistico. Oggi al 27° giorno noto perdite filamentose che mi fanno pensare all’ovulazione.. quindi dovrò aspettare minimo 2 settimane per il presunto ciclo. Se fossi stata incinta, si sarebbe manifestata comunque l’ovulazione? Si può rimanere incinta senza penetrazione e senza eiaculazione(tenendo conto che con l’ovaio micropolicistico dovrebbe essere ancora più improbabile)?
Non riesco ad avere una vita sessuale tranquilla, abitualmente uso sempre il preservativo ma puntualmente ogni mese mi viene il dubbio poichè ho un ciclo troppo irregolare. Ho provato l’assunzione della pillola ma ho avuto troppo effetti collaterali come alti valori di colesterolo , ansia esagerata , aumento di peso ,etc. Qualcuno può rassicurarmi? Grazie in anticipo e mi scuso per il disturbo.

Elisa, 19 anni



Cara Elisa,
hai ragione quando l’ansia prende il sopravvento tendiamo a non avere più riferimenti concreti.
Solitamente con il petting non è possibile che si instauri una gravidanza perchè non vi è alcuna penetrazione con eiaculazione e il liquido preseminale secondo le ultime ricerche scientifiche non dovrebbero contenere spermatozoi mobili capaci di fecondare. Se non vi è penetrazione nè eiaculazione è impossibile che si innesti un concepimento.
Le perdite bianche tendono a presentarsi durante i giorni fertili all’incirca nel periodo pre e post ovulatorio. Le perdite possono dipendere da fattori ormonali e possono presentarsi anche per più giorni.

In genere nel periodo ovulatorio le perdite di muco vaginale si presentano acquose, filanti e trasparenti, assumono cioè un aspetto simile a quello della “chiara (albume) dell’uovo” e si mantengono tali fino alla fine dell’ovulazione, per diventare poi dense e biancastre subito dopo l’ovulazione. Queste sono perdite fisiologiche, quindi non destano preoccupazioni nell’immediato.
Esistono anche altri metodi contraccettivi come il cerotto o l’anello vaginale, che essendo a rilascio locale hanno meno effetti collaterali. Potrebbe essere importante parlarne con la tua ginecologa e valutare le strategie più efficaci per regolarizzare il ciclo.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it