The Nest, una villa animata da avvenimenti inquietanti e un mistero da risolvere

The Nest, una villa animata da avvenimenti inquietanti e un mistero da risolvere

DAL 14 AGOSTO A CINEMA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 14 agosto arriva al cinema The Nest (Il Nido), primo lungometraggio di Roberto De Feo con Francesca Cavallin, Ginevra Francesconi, Justin Alexander Korovkin e Maurizio Lombardi. Il regista porta sul grande schermo un film horror – ​scritto da Lucio Besana, Margherita Ferri e De Feo, prodotto da Colorado Film in collaborazione con Vision Distribution​ – che racconta la storia di Samuel, un ragazzo costretto dalla madre a non allontanarsi dalla villa in cui abitano. Più va avanti la storia e più la dimora sarà sconvolta da avvenimenti strani ed inquietanti. 

THE NEST (IL NIDO), la storia

Samuel (Justin Alexander Korovkin) è un giovane ragazzo costretto su una sedia a rotelle che vive con sua madre Elena (Francesca Cavallin) a ‘Villa dei Laghi’ una residenza isolata circondata da boschi. Bloccato nella routine familiare e con il rigoroso divieto di allontanarsi dalla dimora, Samuel cresce apparentemente protetto ma insoddisfatto e irrequieto. Tuttavia, la vita nella Villa è sempre più frequentemente sconvolta da avvenimenti strani ed inquietanti, fino a quando, l’arrivo dell’adolescente Denise (Ginevra Francesconi) scardinerà definitivamente gli equilibri della famiglia, dando a Samuel la forza di opporsi alle restrizioni imposte da sua madre e di cercare la verità sul mondo che lo circonda. Ma Elena non lascerà andare suo figlio così facilmente e sarà pronta a fare di tutto per tenerlo con sé. Perché Elena costringe Samuel a vivere come prigioniero nella sua stessa casa, vietandogli di lasciare la tenuta? Quale mistero nasconde?

Ecco il poster ufficiale del film:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it