FOTO| Romulus, continuano le riprese. Ecco le prime immagini dal set

FOTO| Romulus, continuano le riprese. Ecco le prime immagini dal set

La serie racconta la storia epica della nascita di Roma come non è mai stata raccontata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Proseguono senza sosta le riprese di Romulus, esordio alla regia di un progetto televisivo di Matteo Rovere. Dietro la macchina da presa con il regista de ‘Il primo re’ anche Michele Alhaique e Enrico Maria Artale. La serie andrà in onda prossimamente su Sky Atlantic. 

Dietro Romulus una ‘macchina da guerra’

Due intere città meticolosamente ricostruite sulla base di ricerche storiche documentate, migliaia di figurazioni, più di 700 presenze stunt e centinaia di armi riprodotte: la nuova serie originale Sky – sceneggiata da da Filippo Gravino, Guido Iuculano e Rovere – è la storia epica della nascita di Roma come non è mai stata raccontata.

ECCO LE PRIME IMMAGINI DAL SET:

Romulus, di cui le riprese stanno proseguendo tra Roma e dintorni, è ambientata otto secoli prima di Cristo, in un mondo primitivo e brutale in cui il destino di ognuno è deciso dal potere implacabile della natura e degli dei. Girato in protolatino, la serie è il racconto di questo mondo attraverso gli occhi di tre ragazzi segnati dalla morte, dalla solitudine e dalla violenza: Iemos, Wiros e la giovane vestale Ilia. Una storia di uomini e donne che scoprono come crearsi un destino anziché subirlo. Una rivoluzione guidata anche da una figura femminile feroce e protettiva, spietata e materna. Prodotta da Sky, Cattleya e Groenlandia, la serie è composta da dieci episodi e vedrà tra i protagonisti Andrea Arcangeli, Marianna Fontana e Francesco Di Napoli. Nel cast con loro anche Giovanni Buselli, Silvia Calderoni, Sergio Romano, Demetra Avincola, Massimiliano Rossi, Ivana Lotito, Gabriel Montesi e Vanessa Scalera.

Romulus è un racconto di sentimenti, guerra, fratellanza, coraggio e paura”, ha dichiarato Rovere. È un grande affresco epico, una ricostruzione fortemente realistica degli eventi che hanno portato alla fondazione di Roma. Ma soprattutto  – continua il regista – è un’indagine sulle origini e il significato profondo del potere in Occidente: un viaggio in un mondo arcaico e spaventoso, dove tutto è sacro e gli uomini sentono ovunque la presenza misteriosa e ostile degli dei. Lavorare con Sky, Cattleya e ITV, tre partner di straordinario valore e assoluta esperienza, mi sembra il modo migliore per affrontare questa nuova avventura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it