Come funziona la coppetta mestruale? Guida al corretto utilizzo

Coppetta mestruale, come funziona e quale scegliere

Facciamo chiarezza sull'alternativa più utilizzata all'assorbente usa e getta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Beni di lusso” più utilizzati da miliardi di donne per l’igiene intima, gli assorbenti sono da oltre un secolo gli alleati principali nella “lotta” mensile al flusso mestruale.
Eppure, negli ultimi anni, si sono fatte largo sempre più alternative al classico tampone usa e getta: non esiste soluzione migliore o peggiore, ma solo quella che si adatta maggiormente alle necessità di ogni donna.

Per fare chiarezza, cerchiamo di capire come funzionano le coppette mestruali e quali sono i pro e i contro del loro utilizzo.

Che cos’è la coppetta mestruale?

Alternativa all’assorbente classico più utilizzata, la coppetta mestruale è un contenitore di silicone ipoallergenico a uso interno per il flusso mestruale.

Nonostante il suo secolo di storia, solo negli ultimi anni ha raggiunto un buon successo commerciale, grazie alla sua natura ecosostenibile e al notevole risparmio.
A differenza degli assorbenti usa e getta, infatti, una coppetta mestruale può essere utilizzata per molto tempo, nella maggior parte dei casi anche 10 anni.

Dove si compra?

E’ possibile trovare alcune marche anche nelle grandi catene di supermercati, in farmacia, in parafarmacia o nei negozi bio. Un’altra alternativa è comprare la coppetta online.
I prezzi oscillano tra i 15 e i 30 euro a seconda delle marche.

Quale coppetta scelgo?

Nel momento in cui si decide di provare una coppetta mestruale bisogna scegliere la misura, la forma e la consistenza più adatta. Esistono fondamentalmente due misure, “piccola” e “grande”, le cui dimensioni effettive potrebbero variare a seconda della marca che si utilizza.  In generale, è consigliabile iniziare da una taglia piccola per le donne sotto i 30 anni, che non hanno avuto un parto vaginale o rapporti sessuali (più avanti approfondiremo l’argomento coppetta e verginità).

Poiché la scelta è soggettiva e cambia da donna in donna, potrebbero volerci un po’ di tentativi per trovare la coppetta giusta.

La coppetta dà fastidio?

Come per l’assorbente interno, se posizionata scorrettamente la coppetta mestruale può dare fastidio. Per questo è importante fare un po’ di pratica, meglio se comodamente a casa, anche senza il ciclo mestruale, e prendere confidenza con il nostro corpo e con la coppetta. La maggior parte delle donne che utilizza la coppetta sostiene che, se posizionata correttamente, è come non averla.

Come si usa la coppetta mestruale?

Grazie alla sua natura in silicone, la coppetta mestruale risulta molto flessibile. Questa caratteristica aiuta nella fase di inserimento nella vagina. Esistono diverse tecniche per posizionare la coppetta, quella più utilizzata consiste nell’arrotolarla formando una “U”, con il “gambo” rivolto in basso.

Accovacciata, in piedi, con una gamba alzata: ogni donna troverà la sua posizione ideale per inserirla. In linea di massima, è consigliato tenerla con una mano e con l’altra allargare le pareti vaginali. Una volta inserita, possiamo lasciare la presa e, se posizionata correttamente, la coppetta si aprirà e si adagerà comodamente sulle pareti pelviche.
E’ buona norma lavarsi sempre le mani prima di iniziare.

Per chi ha utilizzato assorbenti interni, il procedimento sarà relativamente familiare. Si tratta comunque di pratica, non bisogna scoraggiarsi. E’ anche possibile aiutarsi con del lubrificante. In ogni caso è consigliabile seguire le istruzioni sul foglietto illustrativo.

Ogni quanto va svuotata?

Dipende dal flusso mestruale. Se è forte, circa dopo 8-10 ore. Per i cicli regolari o deboli, può tranquillamente sostenere le 12 ore. Esistono cicli mestruali estremamente abbondanti, che richiedo lo svuotamento anche dopo poche ore. Poiché il flusso è soggettivo, ogni donna dopo un paio di utilizzi può capire autonomamente come regolarsi.
In caso di ciclo abbondante è consigliabile la taglia grande o svuotarla più spesso.

Ogni volta che svuotiamo la coppetta è bene sciacquarla con acqua calda prima di reinserirla.
Più in generale, prima di utilizzarla all’inizio del ciclo mestruale bisogna bollire la coppetta nell’acqua per un paio di minuti per sterilizzarla.

Come si toglie?

Anche in questo caso bisognerà prendere confidenza con il nostro corpo e con la coppetta stessa. Per alcune donne è un procedimento immediato, altre avranno bisogno di un po’ di pratica. Alla fine, comunque, la coppetta uscirà, non bisogna aver paura.

La coppetta aderisce con effetto “ventosa” alle pareti vaginali, non tirarla con forza. Piuttosto, una volta trovata la posizione più comoda, bisogna stringere il fondo con le dita: così facendo viene eliminato il vuoto d’aria e la coppetta potrà essere estratta con facilità. Un suggerimento è quello di agevolare l’uscita con il movimento pelvico, spingendo verso il basso con gli addominali.

Coppetta e verginità

La coppetta mestruale POTREBBE causare la lacerazione dell’imene, la membrana mucosa che si estende nella parte esterna della vagina.
La rottura dell’imene è associata alla perdita della verginità. Dunque si tratta di una scelta personale, legata alla soggettiva visione di verginità e di cosa rappresenta per noi. A livello prettamente medico, non vi sono controindicazioni.
Le adolescenti potrebbero avere difficoltà di inserimento a causa delle pareti vaginali ancora poco elastiche. In questo caso è possibile aiutarsi con del lubrificante.

Svuotare la coppetta fuori casa

Uno dei dubbi più ricorrenti di chi inizia a utilizzare la coppetta è il disagio nello svuotarla fuori casa.
In realtà, il procedimento è piuttosto semplice. Una volta estratta, la coppetta può essere svuotata nel wc, per poi essere semplicemente sciacquata sotto il lavandino.
In alcuni bagni pubblici, tuttavia, non è presente un lavabo o è esterno alla toilette. In questo caso è bene attrezzarsi prima, ad esempio portando con sé una bottiglietta d’acqua.

Coppetta mestruale e sport

Nuotare, correre, saltare. Non vi è alcun rischio nell’utilizzare la coppetta mestruale mentre si pratica sport.
L’unica raccomandazione è quella di svuotarla prima di iniziare l’attività fisica.

Tutte le donne possono usarla?

Esistono alcune condizioni cliniche che limitano l’utilizzo della coppetta mestruale. Prima di iniziare a utilizzarla, è bene chiedere consiglio al proprio ginecologo.

La scelta tra assorbente esterno, interno, lavabile o coppetta mestruale è puramente personale. Non bisogna mai puntare il dito contro chi preferisce un’alternativa ad un’altra, soprattutto quando si parla di argomenti sensibili come il proprio corpo e il modo di viverlo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it