Milano, allo 'Spazio artedcuazione' la musica abbatte le barriere

Milano, allo ‘Spazio artedcuazione’ la musica abbatte le barriere

Ragazzi del quartiere di via Padova hanno suonato con il musicista camerunense Stephane Ngono
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Un viaggio attraverso il mondo per conoscere strumenti, luoghi e culture e comporre tutti insieme una melodia, chiamata ‘la città dei suoni’, con l’augurio che la musica sia sempre con loro. Si può riassumere con queste parole del musicista camerunense Stephane Ngono la mattinata vissuta dai ragazzi che partecipano al campo estivo in corso di realizzazione allo ‘Spazio artedcuazione’ di Milano- tra viale Monza e via Padova- nell’ambito del progetto ‘Agente 0011-Missione inclusione’.

Si tratta di un percorso di sensibilizzazione e cittadinanza attiva capofilato da Cesvi e realizzato con Amref, ActionAid, ASviS, CittadinanzAttiva, UISP, VIS e La Fabbrica e co-finanziato da AICS, Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. ‘Agente0011 – Missione Inclusione’ ha un portale dedicato www.agente0011.it, che consente a studenti e giovani di tutta Italia di diventare cittadini più responsabili e agenti del cambiamento.

La rete, capofilata da Cesvi e di cui fa parte Amref, sta portando avanti 4 campi estivi in 4 città diverse (Roma, Milano, Napoli e Catania). I territori in cui opera il progetto sono principalmente territori di periferia ad alta densità migratoria, caratterizzati da un aumento della povertà economica delle famiglie, che colpisce principalmente i giovani, i più esposti al rischio di esclusione sociale e povertà educativa, ossia l’impossibilità di far fiorire aspirazioni e talenti.

Su ogni territorio sono state scelte associazioni o cooperative con cui collaborare per aumentare l’efficacia dell’intervento. Ecco quindi il ruolo protagonista di ‘Spazio arteducazione’ a Milano, un servizio del comune di Milano cogestito, attraverso i fondi della legge 285, dalla Cooperativa Tempo per l’Infanzia e da Progetto Axé Italia Onlus. 

Lo spazio stesso, ha spiegato alla Dire l’educatrice Isabella Landi- rientra poi in un servizio più vasto del comune di Milano “il servizio educativo adolescenti che si occupa di prevenzione alla dispersione scolastica e di favorire l’inserimento dei ragazzi che abitano a Milano, italiani, stranieri di prima o seconda generazione, appena arrivati in Italia”.

Durante la mattinata il musicista Stephane Ngono ha tenuto un laboratorio di percussioni con materiali riciclati. I ragazzi- provenienti da diverse parti del mondo- che già frequentano il laboratorio di percussioni gestito dallo Spazio hanno potuto imparare a suonare gli strumenti di Ngono e riflettere su come la musica sia non solo un fine, per divertirsi e stare insieme secondo precise regole, ma anche un mezzo attraverso cui costruire comunità. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it