FeST, Il (nuovo) Festival delle Serie TV

Dal 20 al 22 settembre Triennale Milano ospita il primo festival italiano interamente dedicato alla serialità televisiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – All’epoca dei servizi di streaming parlare di serie tv è argomento di grande attualità. A dare voce e spazio al capitolo della serialità televisiva ci pensa FeST – Il Festival delle Serie TV, che dal 20 al 22 settembre darà il via alla sua seconda stagione. L’appuntamento gratuito è in collaborazione con Triennale Milano, che farà da location d’eccezione, ed è inserito nel calendario della Movie Week, kermesse culturale che promuove il mondo del cinema e dell’audiovisivo. Nato nel 2018 per fotografare lo stato dell’arte della narrativa televisiva contemporanea, il teme di FeST quest’anno è “Breaking Stereotypes”. Raccontare le innovazioni del linguaggio seriale con particolare accento sulla rappresentazione (di genere, politica ed etnica) che combatte gli stereotipi è l’obiettivo della nuova edizione. Nel farlo si avvarrà a tutto campo della partnership con la no profit Diversity, fondata da Francesca Vecchioni, impegnata ogni giorno nel diffondere la cultura dell’inclusione favorendo una visione del mondo che consideri la molteplicità e le differenze come valori e risorse preziose per le persone e le aziende.

Locandina realizzata da DUDE e FM photographers

Ad affiancare il festival e sostenerlo ci saranno delle media partnership di tutto rispetto: da Radio 105 a Tv Sorrisi e Canzoni e Grazia Factory, fino a Vice Italia con una presenza speciale nella sezione Industry. Ritorna anche quest’anno Zero già presente nella prima edizione.

FeST, Il Festival delle Serie Tv è un progetto ideato da Marina Pierri e Giorgio Viaro, realizzato da BDC e DUDE in collaborazione con Triennale Milano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it