Il "Mockumentary" protagonista del Piemonte Documenteur FilmFest

Il “Mockumentary” protagonista del Piemonte Documenteur FilmFest

Al via dal 2 al 7 settembre la competizione cinematografica. Protagoniste quattro equipe per realizzare un falso documentario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Quattro gruppi di mockumentaristi invaderanno di mistero e fantasia 4 comuni piemontesi: Monforte d’Alba, La Morra, Piozzo e Carrù. Per chi non fosse del settore, il “Mockumentary” è  un film di finzione che ricalca i moduli stilistici e narrativi propri del documentario, generalmente con intenti parodici o satirici (NdR). Dopo qualche anno di pausa torna così, all’insegna della “menzogna”, il Piemonte Documenteur FilmFest. La competizione cinematografica lunga 96 ore si svolgerà dal 2 al 7 settembre 2019.

Quattro equipe, selezionate tra i team iscritti al Festival e formate da tre componenti ciascuna, dovranno realizzare un falso documentario con la partecipazione e la complicità degli abitanti del paese a cui saranno abbinati e dei turisti. Protagonisti: il territorio e le sue persone.

Veristi per caso, Thedocumentaristi, RGB e Pasta Shooting, i quattro gruppi di “mockumentaristi”. 

A giudicare i lavori delle troupe, due protagonisti del mondo cinematografico italiano, il produttore Sergio Troiano e il regista Fabio Tagliavia

La premiazione si terrà la sera del 7 settembre a Monforte d’Alba (CN): una giuria di esperti valuterà i film realizzati e assegnerà un premio in denaro di 3.000 euro al primo classificato.

In programma inoltre diversi eventi off che accompagneranno pubblico e visitatori per tutta la giornata conclusiva della rassegna. Da presentazioni di libri a cura del Mondadori Book Store di Cuneo al Trekking fotografico nel centro storico di Monforte, da laboratori di animazione per bambini a stand enogastronomici a cura della Pro Loco di Monforte d’Alba.

Il Piemonte Documenteur FilmFest è il primo festival europeo incentrato sul genere del “falso documentario”, nato nel 2009 da un’idea di Carlotta Givo. È un progetto dell’associazione culturale Cinelabio, in collaborazione con RECTV Produzioni, in partnership con il Cinema Ambrosio di Torino e la community di Videomakers Italia. Sponsorizzato attualmente da Banca Alpi Marittime.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it