The Get Down, la favola hip hop ambientata nel Bronx

The Get Down, la favola hip hop ambientata nel Bronx

Da vedere su Netflix, la serie tv racconta la nascita di un genere. Una lezione di storia tra street art, hip hop e break dance
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Se non l’avete fatto correte a vedere The Get Down. La serie creata da Baz Luhrmann è su Netflix da ormai qualche anno e – forse – non se n’è parlato abbastanza. Le due stagioni regalano un viaggio appassionante e realistico nella New York degli anni Settanta, in un South Bronx che brucia e fa male. Là, dove tutto sembrava morire, tra droga, gang e prostituzione, hanno preso vita generi musicali, graffiti e break dance. Ora l’hip hop è ovunque ed è parte fondamentale del pop: non perdetevi l’occasione di capire molto di quello che è stato. Gli unidici episodi di The Get Down danno voce a un capitolo potente di storia della musica. Dov’è nato l’hip hop e come? Chi è Grandmaster Flash? È proprio lui ad aver rivoluzionato l’arte del djing, cambiato l’hip hop, dato vita ai Furious 5 oltre ad essersi inventato serate in cui mescolare più generi insieme. Tra block party, le feste hip hop nate per le strade del Bronx (NdR), e i templi della disco music, The Get Down mette in scena la verità. È nella miseria della periferia e nel pieno della crisi economica di un’epoca che l’hip hop cresce suonando solo con i dischi, senza drum machine e campionatori. Tra il 1977 e il 1978 la musica ha rappresentato un sogno e un antidoto al male, è stata un’arma di difesa contro tutto e tutti diventando – per alcuni – un riscatto sociale e culturale.

La serie ruota attorno a un gruppo di ragazzi del South Bronx, in uno scenario dove la musica non si limita a salvare il mondo, ma a cambiarlo completamente. Tra passi di danza, bombolette spry e sogni prendono forma le storie e le voci di Ezekiel “books” Figuero (con i The Get Down Brothers) e Mylene Cruz. I due troveranno la loro strada sfuggendo e combattendo bigottismo e criminalità, passando per il club CBGB, lo Studio 54 e l’appena edificato World Trade Center. Con loro vanno in scena le lezioni di musica di Grandmaster Flash, i regni e le crew dei DJ di tutta New York.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it