Milano, studenti protagonisti della 'Notte della moda'

Milano, studenti protagonisti della ‘Notte della moda’

Due appuntamenti presso l'istituto 'Caterina da Siena'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Ago e filo, molta tecnica e tanta creatività. I ragazzi e le ragazze dell’istituto superiore ‘Caterina da Siena’ di Milano con i loro lavori di design, gli abiti e il defilé vogliono far emergere la passione e l’impegno che li hanno guidati nello sperimentare tecniche e materiali. E per farlo hanno organizzato due appuntamenti per il 27 settembre, in occasione della ‘Notte della moda’ promossa dagli istituti rete ‘Tam’ (Tessile abbigliamento moda), ‘Smi’ (Sistema Moda Italia) e Confindustria Moda: dalle 18 alle 20 una mostra-evento presso l’istituto milanese in viale Lombardia e dalle 21 alle 23 una sfilata di moda presso l’auditorium ‘Stefano Cerri’ in via Valvassori Peroni 51. L’ingresso é gratuito fino ad esaurimento posti.

“I complementi d’arredo, i tessuti e l’ago sono stati usati per creare nodi, trame, intrecci, composizioni e scomposizioni, ma anche grinze e trasparenze- spiega la scuola in una nota- La sfida degli studenti, imitatori di Penelope e Vitruvio, è stata quella di rivisitare l’allegoria del filo e della maglia, della squadra e del foglio da disegno per rendere reale il potere artistico di fare e disfare, di legare e sciogliere, d’intessere e scomporre. Le opere si ritrovano a dialogare con luci e ombre facendo scoprire al pubblico nuove visioni della realtà, pur utilizzando linguaggi apparentemente contraddittori come leggerezza e volume, rigore formale e praticità. La moda e il design- conclude il comunicato- diventano così strumento di connessione con sé e con gli altri, idea, forma e contenuto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it