Ho 18 anni e sto male. Non so da dove iniziare, ho paura…

Ciao
Ho 18 anni E sto male. Non so da dove iniziare e non so perché sto scrivendo qui.
Ho paura, tanta paura.Ci sono tante cose che si sono accumulate
Non sono il tipo di ragazza che sa sfogarsi
L’unico che prova a farmelo fare e mi è sempre vicino è il mio ragazzo
Ho le parole nella testa ma è come se ci fosse un blocco che non mi fa emettere suono.
Ci sono molte cose che mi fanno star male :
1)Ho dei problemi alle ginocchia e per questo ho dovuto lasciare danza, che faccio dall’età di 2 anni, e posso fare solo palestra ma in maniera minima
Per questo mesi fa sono stata malissimo non riuscivo nemmeno a salire le scale e avevo frequentissimi attacchi d’ansia e insonnia.
2)La situazione in famiglia. I miei sono totalmente incompatibili litigano continuamente e non ho abbastanza rapporto di dialogo con loro e a prescindere non sanno capirmi. A volte mi chiedo perché non divorzino.
3)Il fatto che il mio ragazzo inizia l’università e io ho l’esame e non sappiamo come fare in futuro perché saremo lontani nei prossimi anni ma ci amiamo da morire ed è così difficile…
4)Non so cosa fare del mio futuro. Ho idee ma non sono convinta e non si che scegliere.
5)Sono troppo insicura, non credo in me stessa, mi sottovaluto, non mi piaccio, non mi sento abbastanza, non so prendere decisioni, ho paura di tante cose
Compresa me stessa.
6)Ho spesso pensieri brutti in testa
Da tempo istinti anche suicidi
Come buttarmi da grandi altezze, ingoiarmi un pugno di pillole, buttarmi dall’auto in corsa
Anche di farmi male in generale
Non voglio proprio sul serio morire, ma ho questi istinti e mi fa paura questo lato di me
7)Non so gestire bene le emozioni e ho, fin da piccola, sbalzi d’umore frequenti
Un’attimo prima rido a crepapelle e quello dopo scoppio a piangere.
Altre volte non provo nulla.
8)Poi mi innervosisco molto facilmente soprattutto se sono triste.
E quando sono nervosa faccio cose strane con le mani oppure solitamente stringo i pugni fino a conficcarmi le unghie nella carne.
9)In più non sto mangiando più.
Non riesco a mangiare, schifo il cibo.
Mi peso di continuo e sono “felice” quando scendo chili. (sono 1.53 e peso 44k circa) il mio pesa fa molti sbalzi
Non so se sto diventando anoressica o cosa ma so solo che a volte vorrei solo sparire.
Non so più cosa fare.
Mi sento impazzire.

Elisa, 18 anni


Cara Elisa,
siamo contenti che tu ci abbia scritto, dimostrando fiducia nei nostri confronti ma soprattutto dando a te stessa un’occasione per sfogarti e aprirti. Sei stata molto brava a descrive i tuoi stati d’animo, non è affatto facile!
Sai alla tua età può capitare di sentirsi persi talmente persi da voler sparire, come scrivi tu.
E’ un’età difficile in cui le certezze crollano, si cambia sia fisicamente sia nel modo di pensare e spesso sembra che i genitori non riescano a capire quello che accade e si crea una sorta di incomunicabilità. Ci teniamo a dirti che non stai impazzendo ma è naturale avere dei momenti così, succede a tutti, soprattutto nella fase dell’adolescenza. Gli sbalzi d’umore, le incertezze sul futuro, il non sentirsi capiti, anche i pensieri suicidi e gli attacchi al corpo possono proprio accadere in quest’età poiché si è alla ricerca di una nuova identità di nuovi punti di riferimento che non sono più quelli del passato e a volte si fa molta fatica a trovarne di nuovi. Il tuo dolore che forse ha radici antiche, scrivi che sin da bambina
sentivi di non saper gestire le emozioni, è adesso esploso e comprendiamo quanto tu possa star male. Ci sembra di capire che si sono uniti un’insieme di fattori negativi, nei momenti di “crisi” si vede tutto nero, sembra tutto da buttare ma se guardiamo da un’altra prospettiva scopriamo che non è proprio così. Innanzitutto non sei sola ma c’è il tuo ragazzo, si la distanza è complicata da gestire ma lui tornerà e tu potrai andare a trovarlo, anzi potrebbe essere una buona scusa per te per “cambiare un po’ aria” ogni tanto; poi sei all’ultimo anno di scuola che si è un anno pesante ma è anche l’ultimo e aldilà delle paure sul dopo è anche bello iniziare a sognare e progettare il proprio futuro. Ecco questo è un altro punto, non devi decidere adesso chi vuoi essere, un anno è lungo, puoi cambiare idee tante volte, non è una decisione facile quindi è naturale avere dubbi e paure. Capiamo quanto possa essere stato difficile rinunciare alla danza ma si diventa grandi anche un po’ così lasciando indietro alcune cose, per essere pronti ad accogliere quelle nuove che ci aspettano. 
Non sarà sempre così, questa fase è solo transitoria, starai meglio e ti sentirai più forte. Quello che ci sentiamo di consigliarti e di provare a parlare con qualcuno, certo il tuo ragazzo è un punto di riferimento importante ma può essere utile anche avere il sostegno di una persona adulta. Se non vuoi provare a parlare con i tuoi, potresti pensare di parlare con un altro parente o un prof magari di cui ti fidi. Esiste uno sportello d’ascolto nella tua scuola? se si, ti consigliamo di rivolgerti perché potrebbe essere uno spazio in cui continuare a sfogarti. Oppure non so se sai che esistono i Consultori in cui i ragazzi della tua età possono recarsi per parlare con degli psicologi, sei maggiorenne quindi potresti andare senza doverlo dire ai tuoi. Siamo sicuri che hai gli strumenti per affrontare questo momento ma riteniamo anche che sia importante provare a chiedere aiuto, proprio perché hai sentito il bisogno di scriverci e sarebbe un peccato non continuare a farlo anche con qualcuno di persona. Potrebbe essere l’occasione proprio per affrontare tutto questo peso che ti porti dentro da tanto tempo, e per stare meglio. 
Che ne pensi di questi consigli? 
Se vuoi puoi tornare a scriverci di te.
Un caro saluto!

13 Settembre 2019