Mahmood incanta Bologna tra melodie esotiche e ritmi sensuali

Mahmood incanta Bologna tra melodie esotiche e ritmi sensuali

E assicura ai fan: "sto scrivendo tantissimo e chiudendo pezzi nuovi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Mahmood ha talento. Ne ha dato prova al concerto di ieri sera a Bologna, durante la data del Tutto Molto Bello, festival delle etichette indipendenti ormai celebre. A poche ore dal suo compleanno, con pochi musicisti al fianco e un palco scarno, Mahmood intona le sue melodie e incanta il pubblico. Gli basta il microfono in mano: nessuna stravaganza o spacconeria, semplicemente canta. E lo fa bene.

Dalla versione unplugged di Calipso alle note nostalgiche di Dimentica, l’atmosfera sul palco e tra il pubblico è rarefatta, i fan cantano e si dondolando tra note esotiche, qualcuno si abbraccia, alcune coppie si baciano.

Certo, nessuno si è trattenuto dal ballare sulle hit più incalzanti come Soldi e Barrio; del resto i beat di Charlie Charles non lasciano troppa scelta. 
Tutto il resto è stato un alternarsi di ballate sensuali e un po’ malinconiche, senza mai indugiare su banalità romantiche o su una generica tristezza. Mahmood non si appella neppure a quel nichilismo che tanto piace ad alcuni cantautori nostrani.

Con naturalezza si rivolge al pubblico tra una pausa e l’altra riportando immediatamente un’energia più scanzonata: scherza, fa domande, provoca i fan, li interroga e racconta aneddoti. Non teme di disperdere quell’energia che aveva poco prima creato con i suoi gorgheggi, mentre il pubblico lo seguiva cantando a squarcia gola. Africa, Figlio Unico, Gioventù Bruciata, Il Nilo nel Naviglio, Uramaki, Sabbie Mobili, Remo, Asia Occidente.

Gran parte del pubblico conosce a memoria il repertorio e, tra la gioia dei fan, il cantautore milanese (al secolo Alessandro Mahmoud) rassicura: “Penserete che stando sempre in giro non abbia mai tempo scrivere invece in questo periodo sto avendo un sacco di idee, in treno e in pullman, nelle pause sto scrivendo un botto e sto chiudendo canzoni. Stiamo anche contattando altri artisti, qualcuno risponde qualcun altro no. Insomma non preoccupatevi, stiamo lavorando e presto vedrete i risultati”.

Nella calda notte di fine estate si può dire che Mahmood ha soddisfatto moltissimi in questa prima data del Tutto Molto Bello. La rassegna prosegue stasera con Colle Der Fomento, Bud Spencer Blues Explosion, Andrea Lazlo De Simone ed Emmanuelle poi, domani, con Giorgio Poi headliner insieme con Giovanni Truppi, Rares e Jennifer Gentle.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it