Pleasedontbuy. Con Twinset il lusso diventa a portata di mano

Pleasedontbuy. Con Twinset il lusso diventa a portata di mano

Affitasi abiti da ceriomonia. Fuori dal 19 settembre una collezione a noleggio di venti capi eleganti. Una svolta a partire da soli 40 euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Prende il via tra qualche giorno “Pleasedontbuy”, la nuovissima collezione di Twinset dedicata al fashion renting. Fenomeno consolidato oltreocano ma anche nelle più vicine città britanniche, l’abito a noleggio in Italia è ancora “affare” per pochi. La trovata del brand è invece di quelle che ti risolvono la vita, soprattutto se sei giovane e poco avvezza agli investimenti in abiti da cerimonia! La collezione infatti, dal nome provocatorio “Pleasedontbuy”, mette in “affitto” venti capi originali e 100% made in italy pensati per eventi speciali. Un’opportunità accessibile a tutte anche grazie al prezzo interessante: si va dai 40 ai 100 euro per quattro o otto giorni.

Quante volte l’identità di un guardaroba è stata messa in serio pericolo da un abito “fuori contesto” scelto e acquistato per diciottesimi, matrimoni, battesimi o feste che impongono un rigido dress code? La soluzione è arrivata e garberà persino a Marie Kondo. Sostenibile e intelligente, Pleasedontbuy.com lascia spazio nell’armadio ai capi del cuore, quelli che parlano di noi. Il problema è non innamorarsene e volerli poi a tutti i costi. Massima riservatezza per ora su ogni dettaglio, “Pleasedontbuy” è già sbarcata sui social (Facebook e Twitter) e dal 19 settembre sarà disponibile nei flagship store di Milano, Orio al Serio, Verona, Firenze, Roma e Bari. Bisogna aspettare il 2020 per trovarla online e nei monomarca presenti in tutto il mondo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it