Roma, Raggi a San Basilio per inaugurazione anno scolastico

Roma, Raggi a San Basilio per inaugurazione anno scolastico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sindaca di Roma, Virginia Raggi, accompagnata dalla presidente del IV Municipio, Roberta Della Casa, ha visitato stamattina la scuola secondaria ‘Bianchi-Fellini’ di via Belforte del Chienti e la scuola primaria ‘Mahatma Gandhi’ di via Fabriano, entrambe a San Basilio, in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno scolastico.

La scuola, ha detto la sindaca parlando ai ragazzi della prima struttura – che l’hanno accolta con un’esibizione dell’orchestra degli studenti – “non è solo il luogo dove imparare matematica e storia, ma dove si impara a crescere. I professori ci insegnano le materie ma anche una parte di vita importante, quella della relazione con gli altri, trasformando la scuola nella nostra seconda famiglia. L’amministrazione ha iniziato un lavoro importante sulle scuole che a Roma sono tantissime, circa 1.200: alcune sono nuove, altre più vecchie ma noi stiamo facendo un lavoro importantissimo per cercare di sistemarle tutte”.

Qui a via Belforte del Chienti, ha ricordato la prima cittadina, “due anni fa c’è stato un brutto incendio che ha devastato la palestra, siamo riusciti a finanziare e avviare i lavori e ormai siamo arrivati a conclusione. La palestra è importantissima perché, come dicevano gli antichi, ‘mens sana in corpore sano’, e quindi dobbiamo sin da piccoli prenderci cura non solo della nostra mente, ma anche del corpo”.

E al dirigente dell’istituto, che l’ha ringraziata per aver scelto scuole di periferia per l’inaugurazione dell’anno scolastico, Raggi ha risposto: “Io non ho scelto la periferia solo stamattina, ma l’ho scelta per viverci. Sono nata in centro e poi però sono andata a vivere in periferia, in una borgata. E quello che stiamo facendo come amministrazione è riannodare i fili tra periferie e centro, che per anni è stato più curato del resto. Stiamo portando i bus, rifacendo le strade, sistemando le scuole e intervenendo sul verde, ma la cosa più importante sono i rapporti umani”.

Come ha sottolineato la minisindaca Della Casa, sempre con riferimento al rogo della palestra, “qui non è stato un incidente ma un atto doloso per colpire la scuola e tutta la comunità. Avevamo preso un impegno ed e’ stata la primissima palestra che abbiamo deciso di riqualificare per dare un segnale alla scuola ma anche contro la criminalità. A ottobre la palestra tornerà a vostra disposizione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it