Bologna, studenti del 'Fermi' tornano in classe: "Alla fine prende bene"

Bologna, studenti del ‘Fermi’ tornano in classe: “Alla fine prende bene”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ricomincia la scuola anche in Emilia Romagna. Nella maggior parte degli istituti l’entrata è stata organizzata in orari diversi per le matricole e per i più grandi, in altre invece qualche studente inizia oggi, altri nei prossimi giorni. Davanti ai cancelli del liceo ‘Fermi’ di Bologna si respira entusiasmo in questo primo giorno.

Tutti si salutano, le ragazze si abbracciano dopo settimane di lontananza e i ragazzi si scambiano pacche sulle spalle. Molti urlano e tutti si guardano attorno cercando con lo sguardo amici e compagni. C’è anche qualcuno però che manifesta disagio: “Sono devastato e ho dormito poco, non ho voglia di fare dichiarazioni”, taglia corto un ragazzo tra i primi arrivati davanti a scuola.

Un altro studente in attesa del suono della campana fa un bilancio: “è un po’ traumatico il rientro perché, abituati ad orari diversi, bisogna riprendere il ritmo ed è faticoso. Però rivedere i compagni fa sempre piacere quindi c’è anche un lato positivo”.

Per la maggior parte dunque prevale il buonumore e la voglia di ricominciare le esperienze con gli amici, bene o male che vadano: “a me il rientro mette un po’ d’ansia- spiega uno studente del secondo anno pochi minuti prima di entrare in classe- perché ho molte aspettative; essendo in seconda, ci tengo ad avere ottimi risultati. Però sono felice perché l’estate è finita, mi rivedo con i miei amici e alla fine a scuola ci si diverte”. E tra i molti c’è anche chi la prende con filosofia: “il peggio che può succedere è che dovrò ripetere la quinta ma, nel caso, non muore nessuno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it