'Colors of peace', la più grande mostra del mondo per celebrare la pace

‘Colors of peace’, la più grande mostra del mondo per celebrare la pace

Al via il 20 settembre a Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Colosseo, l’antico anfiteatro romano prima simbolo di brutalità e potere, si tinge dei colori della pace per la marcia mondiale dedicata alla non violenza. In occasione della ‘Giornata internazionale della Pace dell’Onu’, che ricorre il 21 settembre, il monumento ospiterà infatti 5mila disegni realizzati dai bambini di 126 Paesi, raccolti nel corso della staffetta podistica della ‘Sri Chinmoy Oneness-Home Peace Run’ e da altre organizzazioni no profit, che saranno esposti dal 20 al 29 settembre.

La ‘Colors of Peace’, giunta alla sua terza edizione, sarà inaugurata alle 16.30 del 20 settembre con una cerimonia all’interno dell’arena del Colosseo alla quale parteciperanno studenti, rappresentanti del mondo delle istituzioni, delegazioni straniere, rappresentanti di diverse fedi religiose e personalità del mondo della cultura e dello sport. Presentato questo pomeriggio a Villa Celimontana, a Roma, l’evento ospiterà anche la premiazione del ‘Peace Movie Award 2019’, il concorso internazionale lanciato nel 2017 da Peace Run con il patrocinio del Miur e del Mibact che promuove la cultura della pace coinvolgendo bambini e giovani delle scuole di tutto il mondo.

Dal 1987 la ‘Marcia mondiale per la pace e la non violenza’ attraversa tutti i Paesi per denunciare il numero crescente di conflitti e le sofferenze di migliaia di esseri umani, ma anche per dare voce alle nuove generazioni e diffondere la cultura del rispetto dei diritti umani.

Quest’anno la maratona partirà da Madrid il 2 ottobre 2019 e percorrerà l’Africa, l’America del Nord e del Sud, l’Oceania e l’Asia per poi ritornare a Madrid, dove si concluderà l’8 marzo 2020, dopo 159 giorni. In Italia, la fiaccola della pace toccherà, tra le altre, le città di Trieste (26 febbraio 2020), Brescia (29 febbraio), Torino e Milano (2 marzo) e Genova (3 marzo). Un altro percorso collegherà invece il nord al sud passando per Firenze (27 febbraio), Roma (29 febbraio), Napoli (1 marzo) Reggio Calabria/Riace (2 marzo) e Palermo (4 marzo).

Il fondatore della marcia, Rafael de la Rubia, ha ricevuto oggi, durante la conferenza stampa, il premio ‘Peace Run Award Italia 2019’, ideato da un gruppo di rifugiati e volontari. “Tutti quanti siamo migranti- ha commentato Rafael de la Rubia – L’ignoranza si combatte studiando e la discriminazione si risolve viaggiando. Andiamo a conoscere il pianeta!”. L’attivista ha ricevuto anche la fiaccola della pace che porterà al Summit Mondiale dei premi Nobel per la Pace in programma a Merida, in Messico, dal 19 al 22 settembre. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it