A Catania la carica dei 15.000 in piazza per Fridays for future

A Catania la carica dei 15.000 in piazza per Fridays for future

Studente: "Stufi e stanchi di chi pensa a profitto abusando del pianeta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CATANIA – “Oggi siamo in 15mila a manifestare nella nostra città e milioni in tutto il mondo. A questo punto, pensiamo che le istituzioni non possano più ignorarci. La prima cosa che chiediamo e’ l’azzeramento delle emissioni di CO2 entro il 2030. Se il comune di Catania e le istituzioni a livello internazionale non faranno nulla, a dicembre ritorneremo in piazza per un altro global strike”. A dichiararlo Paolo Putrino, portavoce di Fridays for future Catania, durante il terzo sciopero globale contro i cambiamenti climatici.

I manifestanti sono scesi in piazza numerosi come non accadeva da anni nella città siciliana. Studenti universitari e delle scuole superiori, alunni delle medie e delle elementari, docenti, sindacati, cittadini si sono dati appuntamento in piazza Roma per chiedere a governi ed istituzioni azioni immediate ed efficaci contro il riscaldamento terrestre ed un cambio di rotta del sistema politico e produttivo per contenerne gli effetti.

“Siamo qui- dice Flavio, 17 anni- per mandare un messaggio chiaro: noi studenti ci siamo stufati e siamo stanchi di chi pensa solo a fare profitto abusando del nostro pianeta. Non è più sufficiente il cambiamento individuale, si deve cambiare il sistema e questo lo si può fare solo restando uniti”. Il corteo si è riversato sulla via Etnea tra striscioni, cartelli, slogan e flash-mob, fino a raggiungere piazza Università per il comizio finale. “Questo è il secondo sciopero globale per il clima cui partecipo- racconta Federica, 16 anni- e sono contenta di vedere che oggi c’è tantissima gente in più, di tutte le eta’. Ci sono anche i miei professori. In classe stiamo sostituendo le bottigliette di plastica con le borracce. Alcuni di noi hanno deciso di non andare più ai fast-food, altri di ridurre il consumo di carne rossa. Stiamo cercando di impegnarci nel nostro piccolo, anche se vogliamo risposte concrete a livello politico”.

“I report scientifici dell’ultimo anno sul cambiamento climatico- aggiunge Paolo Putrino- hanno evidenziato più che mai la necessità di un cambiamento profondo del sistema in cui viviamo. Serve un cambio radicale del nostro sistema economico e produttivo, deve essere fatto secondo criteri di equità, facendo pagare a chi ha inquinato il prezzo della riconversione e non scaricandolo sulle classi sociali più deboli: questa per noi è la giustizia climatica. Anche il Comune di Catania deve assumersi le proprie responsabilità”.

Azzeramento delle emissioni nette di gas serra entro il 2030; potenziamento del trasporto pubblico locale, promozione dell’uso di biciclette, estensione della ZTL e delle aree pedonalizzate per lo sviluppo della mobilita’ sostenibile, potenziamento del sistema di raccolta differenziata, piantumazione di alberi e riduzione della plastica sono le richieste che gli attivisti hanno rivolto all’amministrazione comunale del capoluogo etneo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it