Roma, presentata all'Inapp la settimana Erasmus+

Roma, presentata all’Inapp la settimana Erasmus+

Dal 14 al 18 ottobre, cinque giorni dedicati al programma europeo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Partecipare all’Erasmus cambia la vita”. È questo il messaggio lanciato a qualche giorno dall’inizio della settimana ‘Erasmus+ Inapp’ durante la conferenza di questa mattina a Roma presso la sede dell’Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche.

“Tutti i giovani hanno apprezzato dal programma la presa di coscienza delle proprie capacità” spiega Paola Nicastro, direttore generale dell’Inapp. I numeri, infatti parlano chiaro: 31.000 partecipanti all’Erasmus+Vet, 25.000 i giovani che hanno effettuato tirocini presso aziende europee, 2.5000 docenti, formatori e tutor coinvolti, con il 30,9% di partecipanti che ha avuto la possibilità di fare un’esperienza lavorativa all’estero. E l’Italia è la quarta destinazione più apprezzata dopo il Regno Unito, Spagna e Germania.

Il programma di mobilità studentesca, voluto e finanziato dall’Unione europea, compie proprio quest’anno sei anni dal suo inizio e, come tutti gli anni, vedrà dedicata una settimana, dal 14 al 18 Ottobre in tutta Europa. A Roma gli eventi si svolgeranno lunedì 14 presso l’auditorium Inapp e da martedì a venerdì presso il Bettoja Hotel Massimo d’Azeglio, attraverso testimonianze di studenti e seminari a tema.

“Non solo questa settimana, le scuole organizzano giornate dedicate durante tutto l’anno per fare conoscere l’Erasmus+”, aggiunge Nicastro, un programma in cui l’Unione europea sta cercando di incrementare i finanziamenti per consentire una maggiore inclusione. Dai dati raccolti dall’Agenzia nazionale Erasmus+ Inapp, risulta che i partecipanti a Erasmus+ abbia migliorato notevolmente le ‘soft skills’, ovvero alcune tra le capacità comunicative, relazionali e di adattamento degli studenti, tanto che il 98,4% non ha dubbi nel consigliare ad altri la partecipazione al programma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it