Giappone, le immagini incredibili del cielo viola prima del tifone Hagibis

Nessun presagio, solo scienza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Quasi come un presagio, il cielo sopra il Giappone si è tinto di viola poche ore prima del super tifone Hagibis.
La violenta tempesta, che ha flagellato l’isola tra sabato 12 e domenica 13 ottobre, è la più devastante registrata negli ultimi 60 anni.

Poco a poco che il tifone si avvicinava, diversi utenti hanno postato su Twitter e Instagram una scena surreale: il cielo ha cambiato colore, diventando letteralmente viola.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Pinker Himmel über Kyoto. Die Nacht vor dem Typhoon (kein Photoshop oder Filter) #pinksky #typhoonhagibis

Un post condiviso da Joanna Kocholl (@joanna_kocholl) in data:

Come può un cielo così bello presagire un dramma come questo?
E’ tutta questione di scienza.

Si tratta di un fenomeno ottico, noto come scattering  o diffusione.

Quando la luce del Sole colpisce l’atmosfera avviene lo scattering: le molecole e le particelle presenti nell’aria influenzano la direzione della luce, causandone la dispersione. In condizioni normali, vediamo il cielo di colore azzurro perché viene diffusa la luce con frequenza maggiore, come blu e viola.

Normalmente i nostri occhi possono percepire solo il blu perché il viola è la lunghezza d’onda minore di tutto lo spettro di colori.

Ma durante le tempeste possono verificarsi condizioni favorevoli per vedere il viola.

L’aria diventa satura, con il punto di rugiada alto, le nuvole vicine al suolo. La luce si disperde intorno all’umidità nell’aria e, se il sole sta sorgendo o tramontando, quindi è basso sull’orizzonte, possiamo ammirare il vero colore del cielo. Il viola è sempre lì, ma di solito non lo vediamo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it