Festival Informatici senza frontiere: Rovereto per una coscienza digitale

Festival Informatici senza frontiere: Rovereto per una coscienza digitale

Primo appuntamento al teatro Zandonai
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROVERETO – È stato inaugurato oggi al Teatro Zandonai di Rovereto, in provincia di Trento, il Festival Informatici senza frontiere, una tre giorni di incontri, laboratori e dibattiti per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’impatto sociale dell’innovazione e sull’utilizzo etico delle nuove tecnologie. Si parla di Alfabetizzazione informatica in contesti di disagio sociale, formazione al pensiero computazionale per bambini, tecnologia al servizio di persone con disabilità e anziani, informatica e cooperazione allo sviluppo.

“Le sfide sono tantissime, il nostro lavoro è iniziato tre anni fa. Le istituzioni non si parlavano tra loro, erano abbandonate a se stesse. Abbiamo creato una governance centrale che era fondamentale”, afferma Luca Attias, commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale. Marco Podini presidente esecutivo e CEO di Dedagroup, polo di aggregazione di eccellenze italiane nel campo dei software, pone l’accento sull’importanza dello sviluppo delle tecnologie informatiche: “l’attenzione verso la tecnologia in questi ultimi anni è aumentata. La digitalizzazione del Paese consente una maggior cooperazione e connessione con il mercato. Bisogna puntare ad una creazione di una rete di flussi sempre più continua. Lo spunto importante per i giovani è che il nostro mondo sta cambiando, è un momento importante, straordinario, per reinventare il mondo per tutti noi. Mancano talenti, c’è una carenza di figure specializzate”.

Quaranta i dibattiti che si terranno in queste giornate di lavoro, in cui ci si confronterà anche sui temi dell’accessibilità digitale e di intelligenza artificiale: “noi, come Fondazione ci occupiamo di intelligenza artificiale e ricerca. Siamo schiacciati da Stati Uniti e Cina, è difficile competere con potenze come queste. Ci siamo incentrati su come migliorare l’uomo nel contesto dell’intelligenza artificiale. Servizi rivolti alle persone, per il sociale e per la sanità”, afferma Andrea Nicolini, della Fondazione Bruno Kessler, l’ente di ricerca della provincia autonoma di Trento che opera nel campo scientifico tecnologico e delle scienze umane coorganizzatore della manifestazione.

“Pensando alla persona credo che dovremmo lavorare sulla coscienza e sulla cultura. Non si farà nulla nel futuro senza il digitale- conclude Dino Maurizio presidente di Informatici senza Frontiere- È essenziale la conoscenza e la coscienza. Dati come quelli dell’utilizzo di internet ci preoccupano. Siamo solo al 75% della popolazione. La cultura è importante per non essere dominati da realtà digitali sempre più in crescita. Non possiamo basarci solo su quello che leggiamo in rete”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it