Alice nella Città, Federico Cesari e Luca Cesa raccontano Pupone

Federico Cesari e Luca Cesa raccontano Pupone ad Alice nella Città

La videointervista al cast e al regista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La paura del futuro, la vicinanza degli amici fraterni e l’amore per l’A.S.Roma si mescolano in Pupone, l’emozionante cortometraggio -ispirato ad una storia vera- senza filtri di Alessandro Guida, presentato in anteprima alla 17ma edizione di Alice nella Città (sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema, in programma fino al 27 ottobre all’Auditorium Parco della Musica e in altri luoghi della Capitale). Il corto segue la storia di Sasha – interpretato dalla star di Baby Riccardo Mandolini –  un ragazzo italiano cresciuto dentro una casa famiglia. Come tutti i suoi ‘fratelli’ acquisiti, è appassionato di calcio e in particolare della As Roma. Al compimento dei 18 anni Sacha si vede però costretto ad abbandonare la struttura in cui è cresciuto, ritrovandosi così a vivere ciò che sta capitando anche al suo idolo Francesco Totti come Sacha costretto ad abbandonare la sua casa per ragioni anagrafiche. L’acquisita libertà e le sfide che il mondo esterno gli presenteranno si riveleranno però più difficili del previsto da gestire. 

Pupone, una storia che tocca il cuore

Oltre ad aver scelto un gruppo di giovanissimi attori che ha saputo ben interpretare il ruolo assegnato, Alessandro Guida ci ha regalato una storia che tocca il cuore. Un corto realistico a tratti divertente a tratti doloroso come un pugno nello stomaco che, come ci ha raccontato il regista, avrà un seguito in una serie tv.

A Casa Alice abbiamo incontrato Federico Cesari, Luca Cesa, Daphne Scoccia e il regista:  ecco cosa ci hanno raccontato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it