I 40 anni di Pac-Man: segreti del videogame da record

I 40 anni di Pac-Man: segreti del videogame da record

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Chi tra i 40-50enni di oggi non ricorda con un velo di nostalgia la palla gialla dalla bocca larga che inghiottiva pillole andando su e giu’, avanti e indietro per un labirinto nero? E il suono dello scontro con i fantasmini dagli occhioni grandi da cui bisognava tenersi alla larga?

Quest’anno Pac-man compie 40 anni e la sua fama nell’ambito dei videogiochi e’ conservata tutt’oggi.

Un videogame grazioso e semplice messo in commercio nel 1980 ma inventato nel 1979 dall’autore di giochi giapponese Toru Iwatani con un concetto di base: il mangiare.

Un cosiddetto ‘arcade’, ossia che nasce per essere giocato da una postazione pubblica a gettoni e che in seguito, grazie al successo riscontrato, e’ stato pubblicato nelle versioni per console e computer.

Pac-man si basa su regole molto semplici: sfuggire, appunto, ai fantasmini e mangiare tutte le pillole. Portata a termine la missione, si passa ad un livello superiore dove i nemici sono piu’ pericolosi.

Pensato per coinvolgere anche il pubblico femminile, dietro alla ‘pizza senza una fetta’ (la leggenda infatti narra che all’autore sia venuta l’idea di Pac-man mentre mangiava una pizza), si nascondono tante curiosita’: ad esempio che non ha piu’ di 256 livelli a causa di un bug o che in origine si chiamava Puck-Man, riprendendo la parola giapponese paku-paku che significa aprire la bocca, ma il rischio che in America potesse essere storpiato sostituendo la ‘P’ con la ‘F’ era troppo alto e cosi’ gli autori lo chiamarono Pac-Man.

E ancora: nel 1999 e’ stato raggiunto da Billy Mitchell, un videogamer professionista, il punteggio perfetto raggiungibile solo dopo aver superato tutti i livelli, 3.333.360 punti.

I quattro fantasmini hanno una loro personalita’ ben precisa: Blinky, il rosso, e’ il piu’ aggressivo, Pinky, la femmina, e’ la piu’ veloce e furba per le imboscate che riserva, Inky, il blu, e’ il piu’ intelligente, Clyde, l’arancione, il piu’ imprevedibile per i suoi movimenti casuali.

Un’icona, quindi, che ha segnato un’epoca e che infatti nel2005 e’ entrato nel Guinnes World Record come videogioco commerciale di maggior successo nella storia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it