Lorenzo Tiberia degli Actual porta la fantasia ad Alice nella città

Lorenzo Tiberia degli Actual porta la fantasia ad Alice nella città

Il regista ha presentato il corto 'La regina si addormenta dove vuole'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Intimo e amaro, reale e fantasioso. Questi sono i tratti distintivi de La regina si addormenta dove vuole, il primo passo verso il cinema di Lorenzo Tiberia, che sta portando in giro per il mondo un cortometraggio sul potere della fantasia e sulla dura realtà della case di riposo. Diretto da Tiberia da un soggetto suo e di Armando Maria Trotta e da quest’ultimo sceneggiato, il corto – presentato anche ai giovani della 17ma edizione di Alice nella Città – è interpretato da Elena Cotta, ‘signora’ del teatro e del cinema (coppa Volpi a Venezia nel 2013)  affiancata dalla piccola Rebecca Di Segni, che debutta sulla schermo. 

Dal web con irriverenti serie con il gruppo Actual al set cinematografico. Gli utenti della rete sono abituati a vedere Tiberia con Leonardo Bocci alle prese con la ‘faida’ tra Roma Nord e Roma Sud. Ma questo corto vi sorprenderà: oltre a mostrarvi un altro lato di Tiberia, La regina si addormenta dove vuole è una pellicola che sceglie di distaccarsi dai lavori che abbiamo visto fino adesso sul tema delle violenze e di avvicinarsi a questa sfera con delicatezza, originalità e leggerezza.

La regina si addormenta dove vuole, la storia

Rebecca è una bambina di quattro anni che, spinta dall’ennesima lite dei suoi genitori , fugge dalla sua cameretta e si nasconde nel giardino di una casa di riposo. Lì troverà il suo regno e la sua regina: un’anziana signora (Elena Cotta) ospite della struttura. La donna è vittima di violenze da parte degli infermieri, ma in quel posto non esiste il male per la bambina. Rappresenta un angolo della sua fantasia. E così disegna su un foglio quel posto e i suoi ‘protagonisti’ per tenersi stretta a quel mondo e non farselo sfuggire: l’anziana donna è la regina e l’infermiere è il suo servitore. In un intreccio tra realtà e fantasia, la bambina riceve un dono prezioso che l’aiuterà a contrastare l’aggressività che la circonda.

La regina di Tiberia è amatissima dai festival di tutto il mondo

Il corto di Lorenzo Tiberia, in pochi mesi, è stato selezionato in numerosi festival nazionali e internazionali, tra cui: GIFFONI Film Festival, secondo classificato nella categoria Parental Experience; Seoul Guro International Film Festival (South Korea); Ulysses Film Festival dove ha ottenuto il premio come miglior sceneggiatura; Long Less Film Festival in cui si aggiudica il premio come miglior cortometraggio; Bali International Film Festival – Minikino Film Week (Indonesia); Cardiff International Film Festival (Galles); MSFF Marino Short Film Festival 2019; Festival Internacional de Cinema em Balneario Camboriù (Brasile).

Il cinema per Lorenzo Tiberia continua…

La regina si addormenta dove vuole è solo il primo passo di una lunga serie di traguardi che Lorenzo è pronto a superare. Il giovane regista, come ci ha raccontato durante l’intervista a Casa Alice, è già a lavoro su un lungometraggio. Anche se c’è ancora il mistero sul nuovo progetto di Tiberia, possiamo confermare che il film non seguirà le tematiche del corto e che nel cast potrebbe esserci Leonardo Bocci.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it