'About time: fashion and duration', svelato il titolo del Met Gala 2020

‘About time: fashion and duration’, svelato il titolo del Met Gala 2020

L’esposizione ripercorrerà più di un secolo e mezzo di moda e sarà dedicata al valore del tempo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È stato finalmente svelato il tema del Met Gala che si terrà nella Primavera del prossimo anno, precisamente dal 7 maggio al 7 settembre. Il titolo della mostra del Costume Institute di New York, sarà “About time: fashion and duration”.

Il ‘New York Times’ descrive il tema scelto come “ispirato in parte dalle favole di Virginia Woolf e in parte dalle teorie di inizio ventesimo secolo del filosofo francese Henri Bergson”.

Il 2020 inoltre, rappresenterà un anno molto importante per la mostra di moda del ‘Constume Institute’, segnando anche il 150 anniversario del museo.

“Ciò che ho intenzione di portare in scena è un’esibizione fortemente concentrata sulla collezione, ma che di tradizionale abbia ben poco”, ha affermato Andrew Bolton, organizzatore della mostra insieme ad Amanda Garfinkel, Jan Reeder e la scenografa Es Devlin.

Riguardo la scelta del tema, il curatore di uno dei più grandi e importanti musei degli Stati Uniti, ha affermato: “La moda è inevitabilmente collegata al concetto di tempo. Non solo riflette e rispecchia lo spirito del tempo, ma cambia e si evolve con esso”.

La mostra, che presenterà circa 160 pezzi di moda femminile a partire dal 1870, anno della fondazione del Met, si concluderà con una sezione sul futuro della moda, collegando il concetto di durata ai dibattiti su sostenibilità e longevità.

Tra i co-curatori di questa edizione inoltre, insieme a Nicolas Ghesquière, Lin-Manuel Miranda, Emma Stone e Anna Wintour, anche Meryl Streep.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it