Milano, all'ic 'Sorelle Agazzi' crescono critici cinematrografici

Milano, all’ic ‘Sorelle Agazzi’ crescono critici cinematrografici

Nei percorsi di giornalismo diregiovani.it hanno parlato di film e... bullismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Come si recensisce un film? Quali sono gli elementi rilevanti? Come raccontare il messaggio e commentare le tecniche di ripresa? Tutto questo è stato al centro dell’incontro che si è tenuto all’istituto comprensivo ‘Sorelle Agazzi’ di Milano dove i ragazzi e le ragazze della 3A si sono messi alla prova. Guardando un cortometraggio – uno spot girato dagli studenti dell’istituto superiore ‘Volta’ di Caltanissetta per il ‘Marano ragazzi spot festival’ – il gruppo di giovani critici ha ragionato di bullismo, che è il macro-tema del corto, cercando anche di riflettere su come le tecniche di ripresa, dai primi piani ai dettagli, possono favorire la trasmissione di precisi messaggi ed emozioni.

Quello di oggi è stato anche il primo passo per lo sviluppo di un progetto formativo sulla figura di Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985. Sono quattro, per ora, gli istituti comprensivi dell’area metropolitana di Milano che in collaborazione con l’agenzia Dire e diregiovani.it approfondiranno la storia e la tecnica giornalistica del cronista napoletano: oltre alle ‘Sorelle Agazzi’, anche l’istituto ‘Madre Bucchi’, la scuola ‘Europa’ e l’istituto comprensivo ‘Munari’. A partire da una selezione di suoi articoli, pubblicati nel libro ‘Giancarlo Siani. Fatti di camorra’, studenti e docenti analizzeranno il testo, rielaboreranno la notizia e attualizzeranno i messaggi veicolati dagli scritti di Siani, per poi produrre contenuti nuovi e multimediali, da cronache, interviste e recensioni a veri e propri tg.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it