Al ‘Giordano’ di Venafro una settimana contro la violenza sulle donne

Giornate di sensibilizzazione tra i banchi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENAFRO (ISERNIA) – Una settimana di riflessione, ascolto e prevenzione sul tema della violenza sulle donne. Questo l’impegno di studenti e docenti dell’istituto ‘Giordano’ di Venafro scesi in campo per contrastare un fenomeno che peggiora di anno in anno e che, secondo gli organizzatori, è dai banchi di scuola che si deve partire per sconfiggerlo. L’avvio del progetto è stato oggi nell’aula magna dell’istituto con l’evento ‘Sedie rosse’ dove, alla presenza delle istituzioni del posto, è stato proiettato il videoclip della canzone ‘Neanche una in più’, brano dei Molotov cocktail, band pop-rock molisana che nel pezzo affronta la questione del femminicidio, cercando di raggiungere i ragazzi con il linguaggio universale della musica e invitando ragazzi e ragazze a denunciare quando subiscono o vedono subire violenza. Presenti all’evento di apertura il sindaco di Venafro, Alfredo Ricci; Giuseppina Cennamo, consigliere regionale con delega alle pari opportunità del Molise e Attilio Lepore, sostituto commissario della Polizia di Stato che ha presentato la campagna permanente ‘Questo non è amore’.

“Iniziamo con questo evento proprio in concomitanza la giornata mondiale contro la violenza sulle donne- ha detto la dirigente scolastica del ‘Giordano’, Carmela Concilio– poi continueremo per tutta la settimana cercando di stigmatizzare la violenza e anche di dare ai ragazzi e alle ragazze un’occasione di crescita e di confronto rispetto ai temi delle pari opportunità, delle differenze e del corretto rapporto in ambito familiare e sociale”.

Durante tutta la settimana poi gli studenti e le studentesse avranno modo di dibattere sull’argomento, ispirandosi ai diritti umani come rappresentati dalla convenzione internazionale di Vienna. Non solo dibattiti però, gli alunni e le alunne assisteranno agli spettacoli teatrali ‘La valigia di Yeshna’ e ‘I battiti di Venere’. Entrambi mirano alla sensibilizzazione di tutti sul tema perché ‘Non è normale che sia normale’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it