Da 'se lallero' a 'stacce' : Carolina Venosi racconta la sua 'Rome is more'

VIDEO| Da ‘se lallero’ a ‘stacce’ : Carolina Venosi racconta la sua ‘Rome is more’

Intervista all'ideatrice della pagina che ha conquistato i social grazie alle traduzioni delle frasi in romanesco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con le sue traduzioni ha conquistato i social e ora approda in libreria con il libro ‘Veni Vidi Daje’. Carolina venosi ne ha fatta di strada da quando per gioco, otto anni fa, si divertiva con i colleghi di Erasmus a tradurre i detti romaneschi. 

La sua pagina ‘Rome is more’ che conta 191mila follower solo su Instagram, è frutto della scelta coraggiosa di Carolina, che dopo la laurea in architettura, ha deciso di stravolgere completamente il suo percorso lavorativo, per dedicarsi a suo modo a diffondere il dialetto e le tradizioni della Città Eterna. Un  sentimento quello per Roma, basato su una relazione di amore odio: da una parte città splendida ma in cui dall’altra è ‘difficile fare tutto’. 

‘Rome is more’ è un vero e proprio progetto editoriale culminato con l’uscita del libro ma che al suo interno comprende le pagine social, un sito internet e il merchandising. Un”‘invenzione”, come ama definirla Carolina, pronta a trasformarsi nel più ambizioso progetto ‘Italian says’ e non solo…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it