E se fossi portatore sano di una malattia sessualmente trasmissibile?

E se fossi portatore sano di una malattia sessualmente trasmissibile?…

Salve,
Ho avuto rapporti non protetti (ma non completi) con la mia ragazza. E ultimamente mi è sorto il dubbio se sia io che lei possiamo aver contratto delle malattie sessualmente trasmissibili. Da quel che so, si possono prendere queste malattie nel momento in cui si è portatori (sani o non) della malattia stessa o nel caso in cui si sono avute più relazioni. Ho avuto rapporti solo con questa ragazza in tutta la mia vita; la cosa che mi spaventa è che io possa essere portatore sano, in quanto non presento sintomi (non so se può servire come informazione ma i miei genitori non sono portatori di malattie sessualmente trasmissibili). Vorrei fare un test per verificare d’essere portatore o no. Poiché sono ancora minorenne, è possibile eseguire questo test all ’insaputa dei genitori?
Grazie mille in anticipo, buona giornata.

Anonimo


Caro Anonimo,
ti ringraziamo per la domanda che ci hai posto che rivela una maturità da parte tua nel voler conoscere le malattie sessualmente trasmesse per prevenirle ed inoltre ci dà la possibilità di dare delle informazioni ai lettori.
Le Malattie Sessualmente Trasmissibili (MST) sono tutte quelle infezioni che si possono trasmettere e contrarre attraverso qualsiasi tipo di rapporto sessuale (vaginale, anale, orale) per contatto con i liquidi organici infetti (sperma, secrezioni vaginali, sangue, saliva). Vi sono alcune che si trasmettono prettamente per via sessuale come la gonorrea, la sifilide ed altre che si trasmettono anche per via sessuale ma non solo come l’AIDS, la candida, l’herpes genitalis. Il rischio quindi avviene tutte le volte che si ha un rapporto non protetto anche se non completo, basta che vi sia uno scambio di secrezioni, rischio che aumenta se si adottano comportamenti sessuali rischiosi e se non si conosce il partner e le sue abitudini sessuali.
Nel tuo caso essendo alla tua prima esperienza con la tua ragazza i rischi di essere un portatore sano non vi sarebbero e se anche la tua ragazza è alla prima esperienza non vi è motivo di preoccuparvi ma sicuramente è bene informarsi anche per prevenire. Ti ricordiamo che l’utilizzo del profilattico è sempre consigliato anche per prevenire un rischio di gravidanza che con il coito interrotto può sempre esserci.
Come tu hai messo ben in luce si potrebbe essere portatori di una MST senza saperlo, perché alcune non danno sintomi o hanno tempi di incubazione lunghi prima di manifestarsi. Quindi si potrebbero contrarre da partner che non sanno di averle e trasmetterle inconsapevolmente. E’ importante dal momento in cui si diventa sessualmente attivi conoscere ed essere responsabili del proprio stato di salute. Cosa si può fare ?Innanzitutto devi sapere che esistono dei vaccini come quello contro il papilloma virus (HPV) che viene effettuato anche per i maschi fino a 26 anni o quello per l’epatite B proprio con l’obiettivo di prevenire la comparsa della malattia, poi nel caso di dubbio di aver avuto dei rischi è consigliabile effettuare delle visite dall’andrologo. Riguardo agli esami da fare possono essere prescritti degli esami del sangue dal medico di base; esiste una proposta di legge in corso che valuta la possibilità per i minorenni di effettuare alcuni test per MST come quello per HIV senza il consenso dei genitori in contesti protetti. Potresti informarti se vi è la possibilità di farlo senza il consenso presso il consultorio se presente nella tua zona.
Oltre alla conoscenza della propria condizione di salute ad oggi la forma di protezione e prevenzione migliore che puoi adottare contro le MST rimane l’uso del profilattico sin dall’inizio del rapporto, soprattutto se si hanno dei partner casuali.
Speriamo di aver chiarito i tuoi dubbi.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it