Genova, sicurezza e buone pratiche in strada con 'A ruota libera'

Genova, sicurezza e buone pratiche in strada con ‘A ruota libera’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Il disegno di una macchina che cade da un ponte spezzato, con sotto il messaggio ‘Fare la manutenzione ai viadotti’. Lo ha realizzato Lorenzo, alunno della scuola primaria ‘Spinola’ di Genova che oggi, con i suoi compagni, ha partecipato alle attività del progetto di educazione stradale ‘A ruota libera’, promosso dal Miur con l’agenzia di stampa Dire.
Dal ponte Morandi al recente crollo sull’A6 Torino-Savona, emergono così con forza la sensibilità e l’immaginario degli studenti e delle studentesse di questa regione.

“Le regole vanno rispettate per proteggere la vita delle persone”, ha affermato Simone, che nel suo articolo ha elencato molte regole importanti da rispettare. Comportamenti corretti e scorretti alla guida sono stati rappresentati, difesi o stigmatizzati dagli alunni e dalle alunne della ‘Spinola’. Il progetto, dunque, risponde a un duplice obiettivo: non solo sensibilizzare i giovani al rispetto delle regole, ma anche dare ai ragazzi uno spazio di protagonismo in cui sono loro a chiederne l’osservanza agli adulti e a chi quelle stesse regole le ha stabilite.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it