La storia di Vito, il gatto “bionico” con le protesi

Vito è primo gatto italiano cui sono state impiantate due protesi dopo l’amputazione di entrambe le zampe posteriori

17 Dicembre 2019

Si chiama Vito, per gli amici Vituzzo. Segni particolari: è un gatto “bionico”.
A raccontarci questa storia sul suo blog è Claudia Rocchina, la fotografa dei gatti.
Vito viene da San Vito lo Capo, Trapani, ma si è trasferito a Milano dalla sua nuova famiglia, Silvia Gottardi e sua moglie Linda Ronzoni.

Vito è sempre stato un gatto impavido e temerario, non abituato a stare chiuso in un appartamento. Durante una delle sue avventure all’esterno, purtroppo, è stato investito da un’auto.
Trovato “più morto che vivo”, è stato subito portato dal veterinario, che gli ha dovuto amputare una zampetta posteriore.

Ogni tentativo di salvare l’altra è stato vano: l’infezione stava peggiorando, ed è stata necessaria l’amputazione anche della seconda zampa.

Grazie al coraggio delle sue mamme umane e al veterinario Massimo Petazzoni, il destino di Vito ha preso una svolta inaspettata.
Petazzoni ha proposto un intervento sperimentale, mai eseguito in Italia: l’inserimento di due protesi temporanee.

Dopo un lungo periodo di degenza, cure quotidiane tra flebo, antibiotici, ricostituenti, sacrifici e paure, Vito è riuscito a stare in piedi sulle sue zampe bioniche, e da allora non ha più smesso!

Non salta, ma può tranquillamente salire e scendere le scale. Ha ancora le sue protesi temporanee e, per ora, è stato deciso di non sottoporlo ad altri interventi.

     Visualizza questo post su Instagram

A cosa servono due gradini quando hai due schiave sempre a disposizione? Questo acquisto mi lascia perplesso… #vituzzosuperstar #bioniccat

Un post condiviso da Vituzzo superstar (@vituzzosuperstar) in data:

Potete seguire Vituzzo sulla pagine Facebook e Instagram ufficiali.

2019-12-17T21:00:55+01:00