Istituto ‘Divini’, operativo dopo un mese dal sisma ma dopo tre anni aspetta nuova scuola

ROMA – L’istituto tecnico ‘Eustachio Divini’ di San Severino Marche (MC) si è mostrato da subito pronto a lavorare anche in condizioni difficili, purché praticabili, per fornire ai ragazzi della scuola il servizio che gli spetta di dirtto e per rispondere alla situazione di emergenza, accertandosi che i lavori di messa in sicurezza fossero rapidi. […]

ROMA – L’istituto tecnico ‘Eustachio Divini’ di San Severino Marche (MC) si è mostrato da subito pronto a lavorare anche in condizioni difficili, purché praticabili, per fornire ai ragazzi della scuola il servizio che gli spetta di dirtto e per rispondere alla situazione di emergenza, accertandosi che i lavori di messa in sicurezza fossero rapidi.

“Ad un mese di distanza dal sisma, i 600 studenti del ‘Divini’, i 110 docenti e il personale scolastico sono tornati in classe, in una sede idonea e accogliente con banchi e sedie per riprendere l’attività didattica, – racconta lo staff dirigenziale dell’ITTS ‘Divini’ a diregiovani.it– abbiamo cercato di mettere in salvo i macchinari dei diversi laboratori e gli oggetti d’uso della scuola in diversi depositi, con un costo elevato per la Provincia”.

L’istituto ancora oggi, a distanza di tre anni dal terremoto, si trova nel plesso provvisorio di piazzale Luzio con disagi comprensibili in termini di logistica, attrezzatura e laboratori, e aspetta speranzoso l’inaugurazione della nuova sede che tarda ad arrivare. La fine dei lavori e l’inaugurazione era prevista a settembre 2020, ma dopo essere partiti in ritardo, i lavori sono stati sospesi poiché durante lo sbancamento delle fondamenta sono stati ritrovati dei reperti neolitici per i quali è partita una campagna di scavo. Alla domanda c’è qualcosa che come scuola chiedete alle istituzioni? lo staff è deciso nel risponde:

“la ripresa e velocizzazione dei lavori di ricostruzione dell’edificio e un aiuto per le attrezzature dei laboratori e i mobili delle aule che sono in condizione di deterioramento e inservibilità”.

2019-12-17T17:22:50+01:00