Shoah. Studenti in viaggio per ricordare, Azzolina: "Dalla storia la pace"

Shoah. Studenti in viaggio per ricordare, Azzolina: “Dalla storia la pace”

L'iniziativa del Miur insieme all'UCEI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CRACOVIA – “Cosa mi aspetto da questo viaggio? Dicono che cambi la vita. Adesso potrò capire se è vero”. Giacca pesante, guanti e cappello: Alessia è pronta ad affrontare il freddo della Polonia per partecipare al Viaggio della Memoria, l’iniziativa che il ministero dell’Istruzione organizza insieme all’UCEI, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, per offrire alle scuole l’opportunità di ripercorrere la storia nei luoghi in cui è stata vissuta, di ascoltare le testimonianze dei superstiti e di riflettere sul passato.

Come lei, più di cento studenti provenienti da tutta Italia sono partiti questa mattina da Fiumicino per raggiungere Cracovia, accompagnati dalla ministra Lucia Azzolina, dal Sottosegretario Giuseppe De Cristofaro, da Noemi Di Segni, Presidente dell’UCEI e David Ermini, Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM). Con la guida dello storico Marcello Pezzetti, i ragazzi visiteranno oggi l’ex ghetto nazista nel quartiere Podgorze di Cracovia, l’antico quartiere di Kazimierz e la Sinagoga Tempel.

Domani, invece, il Viaggio della Memoria proseguirà nel campo di Auschwitz-Birkenau, dove avranno la possibilità di ascoltare anche la testimonianza di Tatiana Bucci e Oleg Mandic, sopravvissuti allo sterminio.

“Coltivare la memoria è essenziale per costruire un futuro di pace. Per evitare che le tragedie del passato possano riproporsi- ha commentato la ministra Azzolina– La Storia è una grande maestra”.

Le scuole che parteciperanno al Viaggio sono state selezionate a livello nazionale per i progetti didattici realizzati sul tema della Shoah. A loro, quest’anno, si unirà per la prima volta anche una rappresentanza degli alunni delle scuole polacche in Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it