Roma, all'ospedale Spallanzani arriva lo sportello di educazione alimentare e sessuale

Roma, all’ospedale Spallanzani arriva lo sportello di educazione alimentare e sessuale

Sindaca Raggi: "Conoscere per prevenire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Diffondere la conoscenza e la prevenzione dei ragazzi sulla salute alimentare e sulle infezioni, prima tramite uno sportello dedicato all’ospedale Spallanzani, poi anche con visite dirette nelle scuole da parte di professionisti ed esperti, tutti coinvolti a titolo gratuito. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il direttore generale dell’istituto nazionale di malattie infettive ‘Lazzaro Spallanzani’, hanno siglato stamattina a Palazzo Valentini, davanti a decine di studenti degli istituti superiori della provincia, un protocollo d’intesa finalizzato all’attuazione di attività mirate ai bisogni di conoscenza sul tema della salute alimentare e della prevenzione delle infezioni. Presente anche la vicesindaca metropolitana, Teresa Zotta.

Tramite uno sportello informativo che sarà attivo presso l’istituto, l’obiettivo è quello di divulgare e promuovere la conoscenza di base e le buone abitudini alimentari e sessuali per il benessere generale dei ragazzi e un corretto rapporto con il proprio corpo. Dal canto suo la Città metropolitana si impegnerà nella diffusione del progetto e nella promozione delle attività, dei servizi dello sportello e del contenuti informativi presso le altre istituzioni pubbliche, da Roma Capitale ai Comuni del territorio, alle scuole e all’Ufficio scolastico regionale.

Tra le funzioni della Città metropolitana, ha spiegato Raggi, “c’è quello di promuovere il miglioramento della qualità della vita, e tra i vari aspetti uno estremamente delicato è il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, con cambiamenti psicologici e del ruolo che rivestiamo nella società. Bombardati da messaggi pubblicitari e informativi di qualunque tipo, rischiamo di perdere la bussola e di non capire cosa è giusto e cosa sbagliato, specialmente quando la società ci impone canoni di bellezza standardizzati ai quali cerchiamo di adeguarci anche con comportamenti sbagliati. Oggi firmiamo un accordo con cui si avvia una collaborazione volta ad aprire prima di tutto uno sportello allo Spallanzani, al cui interno ci saranno persone competenti e professionisti a disposizione dei ragazzi, degli insegnanti e delle famiglie su tematiche come alimentazione, sviluppo, relazioni sentimentali e malattie sessualmente trasmissibili”.

Il direttore generale dello Spallanzani ha spiegato ai ragazzi presenti che “potrete usufruire del servizio per qualsiasi tipo di suggerimento o aspetto della vostra vita: sarete ascoltati, consigliati e se necessario presi in carico o indirizzati a professionisti. Inizialmente ci sarà questo sportello, ma siamo successivamente disponibili ad andare in prima persona nelle scuole. Voglio infine sottolineare che questo progetto nasce senza finanziamenti, e tutti coloro che saranno coinvolti lo saranno a titolo gratuito”.

Oggi, ha concluso la vicesindaca Zotta, “è una giornata importante che conclude un percorso iniziato con l’Omceo su un tema fondamentale per ragazzi e adolescenti e se ne inizia un altro, pratico e concreto, che vi coinvolgerà in un percorso di formazione e collaborazione con lo Spallanzani, che mette a disposizione la sua competenza per dare supporto a ragazzi e famiglie. Grazie alla sindaca e alla dottoressa Branca per la fiducia nel percorso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it