L’economia circolare alla conquista della moda? Altaroma ne parla

L’economia circolare alla conquista della moda? Altaroma ne parla

Un talk chiama a raccolta designer e "Istituzioni". Al tavolo Silvia Venturini Fendi, Lorenzo Tagliavanti, Paolo Orneli e Ivan Scalfarotto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Sta prendendo forma davvero un nuovo modo di concepire il prodotto/moda definibile come “Circular fashion design”? I veri protagonisti di questa rivoluzione sono i designer emergenti, giovani talenti capaci di sperimentare e innovare in nome dello sviluppo sostenibile. Altaroma apre il sipario della settimana della moda accendendo i riflettori non solo sull’economia circolare ma anche mettendo a confronto istituzioni della moda, associazioni di settore e designer. L’appuntamento è in calendario domani, 23 gennaio, alle 10:30 all’Ex Caserma Guido Reni. Tendenzialmente l’impatto ecologico dei capi è secondo solo ai prodotti petrolchimici; l’urgenza del mondo del fashion è dunque quella di confrontarsi, sempre più rapidamente, con standard ambientali più rigorosi, in linea con una visione che punti al rispetto e alla salvaguardia della natura.

Ospiti di questo primo talk, moderato da Mauro Spagnolo, direttore di Rinnovabili.it, saranno le voci autorevoli di Silvia Venturini Fendi (Presidente Altaroma), Lorenzo Tagliavanti (Presidente Camera Commercio Roma), Paolo Orneli  (Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione) e Ivan Scalfarotto, sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Accanto alle “Istituzioni” la parola è anche di quei designer accomunati da una grandissima attitudine innovativa: Eleonora Riccio, Cristiano Ferilli, Francesco Gentile e Chiara Catone. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it