A Maiori il primo collegio docenti via web

A Maiori il primo collegio docenti via web

L'esperimento è stato messo in atto all'ic 'Rossellini'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SALERNO – La strada è interrotta e la dirigente per fare il collegio docenti decide di farlo via web, in videoconferenza. È accaduto in costiera amalfitana, all’istituto comprensivo ‘R. Rossellini’ di Maiori e Minori (Salerno), diretto da Paola Rosapepe. La statale Amalfitana nei giorni scorsi era bloccata e pretendere dai docenti di presenziare a un collegio sarebbe stato ingiusto. Quindi, per la prima volta, la preside ha sperimentato il format di un collegio docenti su una piattaforma online. Ed è stato un successo. Un’esperienza importante, che al momento ha riguardato solo alcuni insegnanti, ma che la scuola conta di poter rinnovare. Il tutto si è potuto fare grazie a un’applicazione che consente di fare riunioni in videoconferenza.

“Ho sempre avuto l’idea che questa modalità- ha spiegato la preside– potesse essere usata non solo nel privato ma anche a scuola. Ora in costiera c’era un problema di viabilità e noi l’abbiamo risolto così. Dopo essermi informata della legalità della seduta e dopo aver scoperto che nessuna legge lo vieta, abbiamo pensato di fare un collegio in parte in videoconferenza e in parte in presenza. Una trentina si sono collegati da casa e fisicamente ne erano presenti una cinquantina che abitano in costiera. È una questione di sostenibilità ambientale. È la scuola che è rimasta indietro, nelle aziende è normale fare delle riunioni in videoconferenza. Ho fornito i documenti prima del collegio e poi hanno approvato attraverso la piattaforma. Andremo avanti a fare le riunioni dei collegi e dei dipartimenti in questo modo di là del problema della statale Amalfitana”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it