VIDEO | Esperimenti riusciti: legno morbido come il cuoio nelle borse Woobag

VIDEO | Esperimenti riusciti: legno morbido come il cuoio nelle borse Woobag

Unendo sperimentazione e innovazione due architetti di Treviso superano il limite tra architettura e moda. Nasce così una collezione unica: l'intervista ad Altaroma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Officina nr.3 è un piccolo laboratorio che combina essenze, colori e temperature per creare qualcosa di unico. È stato fondato da due giovani architetti di Treviso con l’amore per la moda e il design. Sara Da Dalt e Sheila Pierobon arrivano da una lunga esperienza nell’interior design sempre in contatto con artisti, artigiani, materiali, textures e colori. Da qui iniziano i primi esperimenti, le combinazioni di superfici che superano il limite tra architettura e moda. L’entusiasmo di iniziare una nuova esperienza nel mondo della moda e fare progressi tecnologici con i materiali, ha portato alla nuova combinazione di legno e pelle, producendo qualcosa di nuovo e dando spazio all’immaginazione. Nasce così Woobag.

La collezione di borse è nata dalla passione per i materiali, dal profumo del legno e la delicatezza della vera pelle. Sono il risultato di una lunga ricerca e sperimentazione sull’utilizzo dei materiali che ha condotto alla creazione di prodotti di estrema qualità tattile. Il legno è l’ingrediente principale, più precisamente un sottile foglio di vero legno che dopo un lungo procedimento viene reso morbido e flessibile come il cuoio. Ogni borsa è confezionata in modo tradizionale da sapienti artigiani veneti che si compongono di falegnami, giuntatori, pellettieri e incisori. La sensazione tattile, il riflesso delle vene del legno e il profumo delle stesse rendono ogni borsa unica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it