Convivo ogni giorno con una forte ansia ovvero il terrore delle malattie...

Convivo ogni giorno con una forte ansia ovvero il terrore delle malattie…

Sono una ragazza di 23, convivo ogni giorno con una forte ansia ovvero il terrore delle malattie. Ho paura di tutto da una semplice influenza ,ai tumori, alle malattie sessualmente trasmissibili. Proprio quest’ultime mi stanno logorando. Sto da un po’ con un ragazzo e visto che io prendo la pillola e lui perde l’erezione quando mette il preservativo ha voluto farlo senza per un po’ .. ed ora è cominciato il mio calvario .. terrore di avere l’HIV. L’ultimo esame lo faci due mesi fa ed ero negativa ma ora avendolo fatto pochi giorni fa senza protezione dovrò farne un altro tra tre mesi e questa ansia non mi fa dormire la notte.. ovviamente viene influenzato negativamente il mio rapporto di coppia e l’intimità.. non posso vivere con la costante paura di prendere l’HIV o di avere tumori. Inoltre quando ho rapporti sento sempre parecchio dolore anche verso la zona dell’ano.. a volte il dolore persiste per giorni, può essere dovuto ad ansia e scarsa lubrificazione?
Spero possiamo aiutarmi..
grazie mille

Anonima, 23 anni



Cara Anonima,
da quello che scrivi si percepisce uno stato di ansia molto forte che alle volte è difficile da gestire. A volte si riesce a trovare il modo di arginare e contenere i timori; altre volte invece dilagano e siamo completamente investiti dalle paranoie e dal terrore di essere invasi e contagiati. 
Riguardo al possibile contagio HIV, ci sono dei test che possono essere validi anche dopo 30 giorni dall’evento critico (test Elisa di quarta generazione). Puoi recarti presso un Consultorio per approfondire meglio i tempi e le procedure. Però forse potrebbe essere importante fare anche un ulteriore passaggio, quello di confrontarti con il tuo ragazzo. La fiducia deve essere una base importante del vostro dialogo, condividere i timori o approfondire questi argomenti è assolutamente un tuo diritto. Devi sentirti libera di vivere la tua intimità.
Tutte queste forte tensioni e rigidità infatti influenzano strettamente il rapporto fisico.  Quando non c’è una buona lubrificazione e i muscoli pelvici sono rigidi e contratti è frequente che si avvertano fastidi, dolori, e piccole perdite alla fine del rapporto a causa dello sfregamento con le pareti per la secchezza vaginale. Le paure si possono iscrivere nel corpo che tende a chiudersi e a irrigidirsi e a creare delle vere e proprie corazze muscolari.
Quello che ci arriva è un malessere più profondo che forse dovrebbe essere ascoltato e conosciuto, capire da dove proviene tutta questa ansia potrebbe aiutarti a vivere le tue giornate più serenamente. Hai mai provato a parlarne con una persona di cui ti fidi? Forse iniziare a riflettere sulla possibilità di avere uno spazio solo tuo nel quale poterti fermare e dare ascolto ai tuoi vissuti e alle tue paure crediamo possa essere importante per te. Pensaci!

Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it