Indiegeno Fest, Levante è la prima performer

Indiegeno Fest, Levante è la prima performer

Quest'anno la settima edizione ispirata ai supereroi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È Levante la prima protagonista di Indiegeno Fest 2020, il festival itinerante organizzato da Leave Music e giunto alla sua settima edizione, che si terrà dal 31 luglio al 6 agosto nel Golfo di Patti in provincia di Messina. L’edizione di quest’anno sarà impreziosita da un’identita’ visiva tutta nuova, a cura di Lorenzo Morelli (aka amaro666) e ispirata al mondo dei supereroi: ogni artista avra’ un suo personalissimo alter ego e Indiegeno diventerà il loro quartier generale, la loro isola. Levante, cosi’, si trasforma in una sorta di ‘catwoman’.

La cantante si esibirà a Patti Marina l’1 agosto. Dopo lo straordinario successo del concerto evento al Mediolanum Forum di Assago e un’estate che ha visto la cantautrice protagonista di appuntamenti mozzafiato negli anfiteatri storici di tutta Italia, il 2020 di Levante si arricchisce con la sua partecipazione al Festival di Sanremo con il brano ‘Tikibombom’. Un traguardo incredibile a cui seguirà la pubblicazione di ‘Magmamemoria MMXX’, l’edizione speciale dell’album di inediti uscito a ottobre.

Indiegeno è “on the beach”

Le prime tre serate di Indiegeno Fest 2020 saranno targate ‘Indiegeno on the beach’: sulla spiaggia di Patti Marina lasceranno le impronte gli artisti più apprezzati dell’annata musicale italiana.

Si passerà poi a due appuntamenti gratuiti nel centro storico di Patti. Le due serate di chiusura saranno due eventi unici: il concerto del Secret Artist nella riserva naturale di Marinello, che si scoprirà pochi attimi prima del live, e ‘Indiegeno all’alba’, presso il Teatro greco di Tindari. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it