Pietre d'inciampo anche a Casalecchio, iniziativa al 'Salvemini'

Pietre d’inciampo anche a Casalecchio, iniziativa al ‘Salvemini’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un video per documentare la posa della pietra d’inciampo donata all’istituto ‘Salvemini’ di Casalecchio di Reno (Bologna) grazie al progetto del Miur, della Fondazione MITE e dell’agenzia di stampa Dire – Diregiovani, ispirato all’artista tedesco Gunter Deming, che volle posizionare davanti alle case delle vittime dell’Olocausto delle pietre memoriali. L’iniziativa è stata fissata nelle immagini video a opera di Chiara Palumbo, della classe 5T.

L’argomento della Shoah è stato quindi affrontato in modi e tempi diversi nelle varie classi dell’istituto. Alcune delle classi quinte, ad esempio, hanno partecipato allo spettacolo ‘Se questo è Levi’ al teatro comunale di Casalecchio ‘Laura Betti’, per affrontare in modo diretto una tragedia del Novecento che è difficile rendere in classe, a parole.

Lo spettacolo è contemporaneo e interattivo e, con una lingua adatta ai ragazzi, tratta attraverso la testimonianza di Primo Levi, il tema dell’Olocausto. Il protagonista, Andrea Argentieri, ha poche settimane fa vinto il premio UBU come miglior attore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it