VIDEO | Salvare il mondo con la musica. We will rock you torna a teatro

VIDEO | Salvare il mondo con la musica. We will rock you torna a teatro

Il produttore Claudio Trotta e gli attori Luca Marconi e Valentina Ferrari ci hanno raccontato il musical
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lotta contro l’omologazione, condivisione e rivendicazione della propria libertà. Sono questi i punti cardine di ‘We will rock you’, lo spettacolo con le hit dei Queen che torna nei teatri di tutta Italia.  Il musical è approdato al Teatro Brancaccio di Roma e rimarrà nella Capitale fino al 2 febbraio. In scena uno show totalmente rinnovato: nella regia, con la direzione di Michaela Berlini, nella qualità dell’audio di cantato e recitato e nell’implementazione del testo originale con continui riferimenti all’attualità.

We will rock you - il musical. L'intervista

“We will rock you è uno spettacolo attuale perché racconta quello che sta succedendo nella nostra vita”, ha dichiarato ai microfoni di Diregiovani Claudio Trotta, produttore del musical, intervistato insieme agli attori Luca Marconi e Valentina Ferrari. E i riferimenti al presente sono tanti e già dall’inizio dello spettacolo, come ha spiegato Trotta: “Le Gaga Girls e i Gaga Boys, i ragazzi omologati a cui è stata tolta la personalità e l’immaginazione, si esprimono e parlano tra di loro citando le canzoni dell’estate scorsa”. E non solo. Nel musical traspaiono anche una serie di collegamenti al cambiamento climatico e all’azione di Greta Thunberg.

La storia

Ciò che non cambia è la storia al centro di ‘We will rock you’. Galileo e Scaramouche sono i protagonisti di una grande storia d’amore. Insieme, in un futuro apocalittico lontano 300 anni, lottanno per rivendicare il loro diritto alla musica e alla libertà.

A privarli di tutto una multinazionale che ha preso il controllo del pianeta e ha portato l’intera popolazione all’omologazione. Una dittatura che i due protagonisti, insieme a tutto il cast, cercheranno di sconfiggere a colpi di rock. Nello specifico, ‘armati’ della musica dei Queen.

Ad interpretare i due ragazzi sono Luca Marconi e Martha Rossi. Valentina Ferrari è, invece, Killer Queen, aiutante del perfido Kashoggi (Paolo Barillari). La musica di ‘We will rock you’ diventa un mezzo di comunicazione importante, anche per i protagonisti. “È la possibilità di condividere, questa è la parola chiave”, ha sottolineato la Ferrari.

Condividere valori per cercare, insieme, di incitare il mondo al cambiamento. “La forza di questo spettacolo- ha aggiunto Luca Marconi- è senza dubbio il portare lo spettatore a trovare una propria identità. La lotta dei personaggi è proprio questa: combattere contro un’omologazione forzata e guardando il musical nasce una nuova sensibilità nel trovare se stessi“.

Un messaggio che, in fondo, è anche quello che i Queen hanno sempre cercato di trasmettere con i loro pezzi, filo conduttore del musical creato dalla stessa band e da Ben Elton.

Il calendario

Dopo Roma, lo spettacolo sarà in scena a Firenze (dal 7 al 9 febbraio, Teatro Verdi); Cosenza (12 febbraio, Teatro Rendano); Catania (14 febbraio, Teatro Metropolitan); Ascoli Piceno (18 e 19 febbraio Teatro Ventidio Basso); Mestre (dal 25 febbraio all’1 marzo, Teatro Toniolo); Vicenza (4 e 5 marzo, Teatro Comunale). Il tour chiudera’ quindi a Milano, dal 17 al 22 marzo 2020, al Teatro Arcimboldi. I biglietti sono disponibili online.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it