VIDEO| Morgan cambia il testo della canzone e Bugo abbandona il palco

VIDEO| Sanremo 2020: Bugo e Morgan squalificati dal Festival

Ecco cosa è successo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SANREMO – Colpo di scena sul palco del 70esimo Festival di Sanremo. Bugo e Morgan sono stati squalificati dalla gara. I due si sono esibiti con la loro Sincero, ma a pochi secondi dall’inizio del brano, Bugo con l’aria scocciata  ha abbandonato il palco dopo che Morgan, senza preavviso, ha cambiato le prime strofe della canzone:

Le brutte intenzioni la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera, la tua ingratitudine, la tua arroganza fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa. Certo il disordine è una forma d’arte ma tu stai solo per invidia, ringrazia il cielo sei su questo palco, rispetta chi ti c’ha portato dentro”, ha cantato Morgan.  Guarda il video

Morgan si è dimostrato estraneo ai fatti ed è uscito di scena. Così Amadeus ha deciso di proseguire con la gara. Dopo l’esibizione di Rita Pavone, Enrico Nigiotti, Elettra Lamborghini e Marco Masini, il conduttore ha annunciato la squalifica di Bugo e Morgan.

Alla fine della puntata, un rappresentante della Mescal, la casa discografica di Bugo, è salito all’Ariston Roof per chiarire l’accaduto con i giornalisti. “Noi seguiamo solo Bugo – ha detto- la Mescal non segue Morgan: che Dio ce ne scampi e liberi. Noi lo abbiamo invitato solo a cantare la canzone di Bugo. Morgan è un ospite, un featuring“. 

La Mescal inoltre, ha chiarito il disguido tra i due artisti nato alle prove di ‘Canzone per te‘ di Sergio Endrigo scelta da Bugo e Morgan in occasione della serata dei duetti e della cover. “Morgan -ha dichiarato la Mescal – per quell’occasione voleva fare il cantante, il pianista, il direttore d’orchestra e, forse, pure il conduttore“.  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it