Al 'Giordano' di Venafro lanciata campagna 'Plastic Free 2020'

Al ‘Giordano’ di Venafro lanciata campagna ‘Plastic Free 2020’

Dirigente scolastica ha consegnato borracce agli alunni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Monteroduni (Isernia) – “Dobbiamo fare tutti la nostra parte per l’ambiente e per l’agenda 2030, queste borracce che la vostra scuola vi consegna oggi, devono essere l’inizio del nostro impegno personale per il pianeta”. Con queste parole la dirigente scolastica dell’istituto omnicomprensivo ‘Giordano’ di Venafro, Carmela Concilio, si rivolge ai ragazzi e le ragazze nella sede succursale di Monteroduni consegnando loro le borracce di alluminio che d’ora in poi useranno a scuola e inaugurando la due giorni di eventi dedicati all’ambiente e ai giovani.

L’iniziativa ‘Nativi ambientali’ al plesso di Monteroduni del ‘Giordano’ è la prima della due giorni, che coinvolgerà domani anche i ragazzi e le ragazze delle superiori, e si colloca nel ‘Piano nazionale per l’educazione ambientale e agenda 2030’ che ha visto il ministero dell’Istruzione finanziare il progetto ‘Educazione ambientale e sviluppo sostenibile’, patrocinato dall’assessorato all’Istruzione della regione Molise, e organizzato dall’istituto insieme all’agenzia di stampa Dire-diregiovani.it che, durante gli ultimi mesi, hanno portato in classe i temi della sostenibilità ambientale inseriti nell’agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Le alunne e gli alunni della scuola primaria e secondaria del ‘Giordano’ si sono ritrovati insieme ai loro docenti, ai giornalisti dell’agenzia di stampa Dire-Diregiovani e il sindaco di Monteroduni, Custode Russo, per il primo dei due giorni dedicati alla conclusione del progetto con la consegna dappunto delle borracce che sostituiranno definitivamente le bottiglie di plastica a scuola, lanciando la campagna ‘Plastic Free 2020’ che verrà diffusa sui social con l’hashtag #nativiambientaliperagenda2030.

“L’evento di oggi vuole enfatizzare il ruolo cruciale che le comunità locali possono svolgere per raggiungere gli obiettivi globali– ha sottolineato la preside Concilio- i nostri alunni e le nostre alunne oggi raccolgono la sfida per salvare il pianeta”. Appuntamento dunque a domani per la seconda giornata dove gli studenti e le studentesse delle superiori, a Venafro, si uniranno ai loro compagni più piccoli per proteggere l’ambiente e salvare il pianeta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it