La “neve di sangue” invade la penisola Antartica

Il fenomeno contribuisce al cambiamento climatico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La penisola Antartica sta “sanguinando”. Le incredibili immagini scattate dai ricercatori all’esterno della base ucraina Vernadsky, sull’isola di Galindez, mostrano un fenomeno fuori dal mondo. Il bianco candido della la neve si sporca di rosso, lasciando agli occhi un panorama surreale.

Perché questo colore?

Responsabilè di questo effetto speciale è la Chlamydomonas Chlamydomonas nivalis, un tipo di alga caratterizzata dalla pigmentazione rossa e resistente alle temperature estreme.
Dormienti durante l’inverno, queste alghe “fioriscono” con il caldo (in Antartide adesso è estate), diffondendo spore rosse simili a fiori.

Purtroppo, per quanto affascinante, la neve di sangue contribuisce al cambiamento climatico. L’alga ha bisogno di calore per riprodursi: più ne assorbe, più la neve si scioglie. Inoltre, “a causa del colore rosso-cremisi”, scrive in un post su Facebook il team di ricerca che ha individuato l’alga, “la neve riflette meno luce solare e si scioglie più velocemente”.

Autore delle foto lo scienziato ucraino Andriy Zotov.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it