Coronavirus. Roma, all'istituto 'Salvini' compiti e lezioni on line

Coronavirus. Roma, all’istituto ‘Salvini’ compiti e lezioni on line

Il racconto di una docente: "Non ci facciamo spaventare"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Videolezioni, esercizi online e piattaforme per condividere i materiali: la scuola non si ferma. Anche se il decreto governativo del 4 marzo ha chiuso le aule per tutti gli studenti italiani a causa dell’emergenza Coronavirus, ogni istituto sta mettendo in pratica strumenti di didattica a distanza per continuare la formazione dei ragazzi. All’istituto ‘Tommaso Salvini’ di Roma, non si sono fatti trovare impreparati.

“Già dal giorno successivo al decreto abbiamo iniziato a utilizzare le piattaforme del registro elettronico, dopo aver concordato una linea comune con tutti i docenti sulla didattica a distanza- spiega la professoressa Giovanna Pisani– carichiamo link, file in pdf e mappe concettuali in maniera proporzionata rispetto a quella che sarebbe stata la nostra presenza in aula”.

Tanti gli strumenti utilizzati dai docenti: dal portale ‘Impari’ di Axios alle piattaforme messe a disposizione dalle case editrici, dagli strumenti diffusi dal ministero dell’Istruzione, a siti come ‘Google classroom’ e ‘We school’.

“Ci stiamo organizzando anche per realizzare una formazione intensiva ai docenti sulle nuove piattaforme- racconta la docente a diregiovani.it- Non sappiamo ancora se in presenza, mantenendo le distanze e mettendo in pratica le misure del decreto, o sempre online”.

L’istituto romano, quindi, non ha perso tempo. I docenti hanno iniziato fin da subito a caricare le lezioni sulle piattaforme, e gli studenti sono già stati messi alla prova con esercizi di completamento online.

“Attraverso i nuovi portali è possibile tracciare la presenza dei ragazzi e i tempi di collegamento- spiega Giovanna Pisani- io, ad esempio, ho dato da svolgere ai ragazzi un testo argomentativo su Falcone e Borsellino per venerdì, e oggi già qualcuno aveva caricato i file sulla pagina. Lavoriamo intensamente, perché per preparare una lezione multimediale ci vuole più tempo. Ma non ci facciamo spaventare”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it