Coronavirus. Milano, preside 'Scuola Europa': "Comunichiamo informazioni e sicurezza"

Coronavirus. Milano, preside ‘Scuola Europa’: “Comunichiamo informazioni e sicurezza”

Con smart learning istituto paritario vuole concretizzare 'strategia della vicinanza'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “La cosa importante per me è dare informazioni univoche e sicurezza ai nostri alunni e alle loro famiglie nei diversi ordini di studio. Per non disorientarli ulteriormente stiamo adottando una linea comune di attività e mezzi”. La priorità  è questa per Roberta Ginese, dirigente della ‘Scuola Europa’ di Milano, un istituto paritario che comprende l’intero ciclo dall’infanzia al liceo.

“La cosa bella di questo momento- prosegue la preside che dirige la scuola secondaria di primo grado e il liceo linguistico- è che i nostri docenti si stanno parlando in verticale, cioè tra ordini di studio. La coesione che sento + davvero unica”. Il cosiddetto ‘smart learning’, pur con qualche difficoltà tecnica inevitabile, sta dando buoni risultati. “Più che il contenuto didattico, ciò che conta secondo noi è esserci”, ripete la dirigente ricalcando quella che secondo il ministero dell’Istruzione è la “strategia della vicinanza: tenersi in contatto, vedersi, fare compiti, scambiarsi idee ed emozioni”.

Dunque i compiti, che non mancano. Prima con il registro elettronico, poi con la piattaforma ‘Spaggiari’ e poi con ‘Zoom’, “stiamo cercando di stimolare i ragazzi a rispondere”. I compiti vanno restituiti, rimarca Ginese, pena valutazione negativa se non consegni per quattro volte di fila. Non manca nemmeno l’interazione. Testimonia infatti la preside che “i docenti di lingua stanno facendo videolezioni in diretta perché i ragazzi stessi hanno detto di avere bisogno di dialogare col docente. Anche per matematica e fisica hanno chiesto un supporto visivo”.

Con particolare attenzione per gli studenti con disabilità che, come d’abitudine, stanno seguendo le lezioni con il supporto digitale dell’insegnante di sostegno e per gli studenti dell’ultimo anno “perché non perdano la motivazione e l’adrenalina tipiche del secondo quadrimestre”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it